Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.666,06
    -53,37 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    15.729,39
    +42,47 (+0,27%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1353
    +0,0081 (+0,72%)
     
  • BTC-EUR

    44.521,59
    -773,91 (-1,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.316,75
    +11,63 (+0,89%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.689,09
    +2,34 (+0,05%)
     

Unipol, in nuovo piano punterà su bancassurance e dividendi più attraenti

·2 minuto per la lettura
Logo Unipol a Roma

MILANO (Reuters) - Il gruppo Unipol si prepara al nuovo piano industriale triennale, atteso per la prossima primavera, puntando sulla bancassurance e su una politica di dividendi più attraente, mentre si appresta a chiudere l'attuale piano al 2021 superando tutti i target prefissi.

E' il quadro delineato dal numero uno del gruppo assicurativo Carlo Cimbri nel corso della conference call sui risultati dei nove mesi, archiviati con un utile netto di 813 milioni (+7,2% su anno) per la holding e di 704 milioni per la controllata UnipolSai (+0,4%), beneficiando del miglior andamento del comparto Vita grazie anche all'apporto della bancassurance.

"Il canale bancario è al centro della nostra strategia. Le nostre prese di posizione nel capitale della banche, Bper innanzitutto, ma anche Pop Sondrio hanno per noi una valenza prettamente industriale e quindi è un canale che intendiamo sviluppare con ancora maggiore incisività, con idee e progetti adeguati, e sarà uno dei tasselli che guiderà il prossimo piano industriale", dice Cimbri.

Nel piano triennale che si chiude quest'anno il gruppo aveva stimato al 2021 un utile netto consolidato cumulato di 4 miliardi complessivamente per le due società, con dividendi complessivi di 1,8 miliardi.

Confermata la capacità del gruppo di distribuire i dividendi come promesso, l'attenzione sulla politica di remunerazione agli azionisti rimane sempre alta.

"Nel prossimo piano vedremo, ma la politica dei dividendi di gruppo sarà sicuramente, per quanto riguarda Unipol Gruppo, non inferiore a ciò che abbiamo garantito nello scorso triennio, e stiamo lavorando affinché possa essere ancora più interessante", spiega Cimbri.

Quanto all'ultimo trimestre di quest'anno, Cimbri precisa che, nonostante il superamento dei target del piano, in chiusura di bilancio annuale il gruppo effettuerà delle "valutazioni prudenziali che riguardano l'accumulazione di risorse per il prossimo triennio".

Nel corso della conference call Cimbri non ha affrontato, nello specifico, il tema del risiko bancario che potrebbe vedere attive Bper, di cui il gruppo bolognese detiene circa il 19%, e Pop Sondrio, partecipata con un quota del 9,5% del capitale.

A questo riguardo durante un evento ieri l'AD ha detto che valuterà la partecipazione a eventuali operazioni di consolidamento, attraverso le sue partecipate, solamente a certe condizioni, e cioè se saranno "accrescitive" in termini di valore e di ampliamento della rete distributiva, in linea con le proprie strategie.

A Piazza Affari i risultati del trimestre, anche se superiori alle attese degli analisti, non hanno particolarmente inciso sull'andamento dei titoli Unipol e UnipolSai che, attorno alle 15,40, segnano entrambi un lieve calo dello 0,4% circa.

(Andrea Mandalà, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli