Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.764,15
    +50,21 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,84 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,10 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.523,55
    +80,92 (+0,21%)
     
  • Petrolio

    85,45
    +0,43 (+0,51%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.281,51
    -2.751,89 (-4,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.360,20
    -12,50 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0646
    -0,0085 (-0,79%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     
  • HANG SENG

    16.721,69
    -373,34 (-2,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.955,01
    -11,67 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4653
    -0,0029 (-0,19%)
     

Usa, prezzi al consumo aumentano a febbraio su costi benzina e alloggi

Una persona fa benzina in una stazione di servizio Sunoco a Philadelphia, Pennsylvania, Stati Uniti

WASHINGTON (Reuters) - I prezzi al consumo statunitensi sono cresciuti in modo consistente a febbraio, a causa dell'aumento dei costi della benzina e degli alloggi, suggerendo una certa rigidità dell'inflazione che potrebbe ritardare il previsto taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve a giugno.

L'indice dei prezzi al consumo (Cpi) è aumentato dello 0,4% il mese scorso, dopo essere salito dello 0,3% a gennaio, secondo quanto comunicato dal dipartimento del Lavoro. La benzina e gli alloggi, che comprendono gli affitti, hanno contribuito per oltre il 60% all'aumento mensile del Cpi. Nei 12 mesi fino a febbraio, il Cpi è salito del 3,2%, dopo il 3,1% di gennaio.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dello 0,4% del Cpi su mese e del 3,1% su base annua. L'aumento annuale dei prezzi al consumo è rallentato rispetto al picco del 9,1% del giugno 2022, ma il progresso si è arrestato negli ultimi mesi.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Francesca Piscioneri)