Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    32.665,21
    -944,64 (-2,81%)
     
  • Dow Jones

    38.589,16
    -57,94 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.688,88
    +21,32 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    38.814,56
    +94,09 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    78,49
    -0,13 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    61.732,11
    -517,46 (-0,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.402,17
    -15,70 (-1,11%)
     
  • Oro

    2.348,40
    +30,40 (+1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0709
    -0,0033 (-0,3106%)
     
  • S&P 500

    5.431,60
    -2,14 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    17.941,78
    -170,85 (-0,94%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.839,14
    -96,36 (-1,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8438
    +0,0026 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    0,9526
    -0,0069 (-0,72%)
     
  • EUR/CAD

    1,4693
    -0,0057 (-0,39%)
     

Vacanze a casa per numero record di cinesi, rallentamento economia si fa sentire

Festa nazionale a Shanghai

SHANGHAI (Reuters) - Un numero record di cinesi sta scegliendo di muoversi all'interno del Paese durante le vacanze della 'Settimana d'Oro', andando potenzialmente a incrementare i consumi interni ma deludendo le agenzie di viaggio che aspettavano che i turisti più facoltosi tornassero a viaggiare all'estero dopo la fine della pandemia.

La Cina celebrerà la Festa di metà autunno e la Giornata nazionale a partire da domani fino al 6 ottobre e sarà la festività pubblica più lunga di quest'anno.

Durante questo periodo di festività tradizionalmente si assiste a un esodo all'estero della classe media cinese e si registra un aumento dei viaggi interni, con milioni di persone, per lo più operai e lavoratori delle fabbriche, che tornano nei loro paesi d'origine.

Ma con l'economia che fatica a riprendersi dopo la pandemia, le precedenti vacanze di quest'anno hanno deluso in termini di spesa pro capite, poiché un mercato del lavoro debole e redditi bassi hanno inciso sulla spesa dei consumatori.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Un numero maggiore di cinesi è ancora riluttante a spendere in consumi superflui come le vacanze all'estero, ma l'entità della spesa interna durante questa festività sarà un indicatore chiave dell'appetito dei consumatori, una componente cruciale per il potenziale di crescita a lungo termine della seconda economia mondiale.

"Non è saggio spendere così tanto", ha detto Joe Zhang, dipendente in un'azienda tech di Pechino, che viaggerà in Cina dopo che il suo progetto di andare in Giappone è saltato per via dei prezzi elevati dei biglietti. "Sono deluso. Non vado all'estero da tre anni", ha aggiunto il 27enne.

L'Accademia del Turismo Cinese, che fa parte del ministero della Cultura e del Turismo, stima che si registreranno più di 100 milioni di viaggi al giorno durante "la Settimana d'Oro più popolare della storia".

Si prevede un affollamento dei treni e un numero medio di voli giornalieri superiore di un quinto rispetto alla festività del 2019, secondo l'app di voli Umetrip.

La Festa di Primavera di quest'anno è stata la prima grande vacanza dopo la fine delle restrizioni nazionali per il Covid-19, ma i viaggi sono stati modesti a causa dell'insorgere del virus.

VOLARE MENO, COMPRARE MENO

Mentre i dati indicano una ripresa del turismo interno, il mercato verso l'estero ha recuperato solo il 60% circa dei livelli pre-pandemia, ha detto Bonn Sian Chai, direttore generale e vicepresidente dei mercati internazionali di Tripp.com, la più grande piattaforma di viaggi online della Cina.

Il costo è un fattore decisivo, poiché il prezzo medio dei viaggi di gruppo dalla Cina è fino al 30% più alto rispetto a prima della pandemia, in parte perché le compagnie aeree non hanno ancora ripreso gli orari pre-Covid, ha aggiunto.

Una residente della città di Anqing, nella provincia orientale dell'Anhui, ha detto di avere intenzione di rimanere nella sua città per queste vacanze, dato che le rate mensili per l'appartamento appena acquistato stanno prosciugando la maggior parte del suo reddito disponibile. "Di solito viaggiavo più lontano, ma quest'anno resterò nella mia città o andrò in luoghi vicini", ha aggiunto.

Il mese scorso la Cina ha eliminato le restrizioni sui viaggi di gruppo per i mercati principali come il Giappone, la Corea del Sud e gli Stati Uniti, ma Nancy Dai, analista di mercato per la Cina di ForwardKeys, ha previsto che nel quarto trimestre i viaggi internazionali saranno inferiori del 48% rispetto ai livelli pre-Covid, citando problemi di visti e altri fattori.

Le piattaforme di prenotazione e le agenzie affermano che i cinesi che vanno all'estero prediligono le destinazioni asiatiche più economiche, con la Thailandia come la scelta di gran lunga preferita dopo l'introduzione del programma di esenzione dall'obbligo di visto.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)