Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 1 hour 45 minutes
  • FTSE MIB

    34.657,50
    -104,47 (-0,30%)
     
  • Dow Jones

    38.979,67
    -89,92 (-0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.957,39
    +36,60 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.855,37
    -44,65 (-0,11%)
     
  • Petrolio

    79,36
    +1,64 (+2,11%)
     
  • Bitcoin EUR

    62.525,77
    -791,12 (-1,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.487,85
    -8,61 (-0,58%)
     
  • Oro

    2.362,10
    +27,60 (+1,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0873
    +0,0013 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    5.305,91
    +1,19 (+0,02%)
     
  • HANG SENG

    18.821,16
    -6,19 (-0,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.037,18
    -22,02 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8499
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9893
    -0,0022 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4819
    +0,0019 (+0,13%)
     

Wall Street in calo dopo trimestrali grandi banche

L'ingresso di Wall Street al NYSE a New York

(Reuters) - Andamento negativo per i principali indici azionari di Wall Street, dopo che alcune grandi banche hanno comunicato risultati trimestrali poco incoraggianti e anche la maggior parte dei titoli delle megacap e dei produttori di chip registrano ribassi.

Intorno alle 16,40, il Dow Jones Industrial Average è in calo di 340,93 punti, o dello 0,89%, a 38.118,15, l'S&P 500 scivola di 51,96 punti, o l'1,00%, a 5.147,10, e il Nasdaq Composite cede 154,87 punti, o lo 0,94%, a 16.287,33.

JPMorgan Chase & CO scende del 5,0% dopo che le previsioni della banca sui ricavi da interessi sono state inferiori alle aspettative degli analisti.

Wells Fargo perde lo 0,1% dopo aver registrato un calo di oltre il 7% degli utili del primo trimestre, a causa dei minori introiti derivanti dal pagamento degli interessi dei clienti. Citigroup cede lo 0,5% dopo aver comunicato un calo degli utili del primo trimestre.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

A pesare sugli indici, anche il calo dei titoli megacap, con Nvidia, Tesla e Meta Platforms in ribasso di circa l'1,5%.

Advanced Micro Devices e Intel perdono tra il 3,1% e il 3,5% dopo un'indiscrezione secondo cui all'inizio dell'anno i funzionari cinesi hanno detto alla più grande azienda di telecomunicazioni del Paese di eliminare gradualmente i chip stranieri, che sono fondamentali per le loro reti, entro il 2027.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Stefano Bernabei)