Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.764,15
    +50,21 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,84 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,10 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.523,55
    +80,92 (+0,21%)
     
  • Petrolio

    85,45
    +0,43 (+0,51%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.057,87
    -3.302,55 (-5,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.360,20
    -12,50 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0646
    -0,0085 (-0,79%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     
  • HANG SENG

    16.721,69
    -373,34 (-2,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.955,01
    -11,67 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4653
    -0,0029 (-0,19%)
     

Zona euro, flessione attività imprese si attenua a febbraio - Pmi

Un partecipante al movimento pro-Unione europea "Pulse of Europe" tiene in mano la bandiera dell'Unione Europea durante una protesta in piazza Gendarmenmarkt a Berlino

LONDRA (Reuters) - La flessione dell'attività delle imprese della zona euro si è attenuata in febbraio, grazie al settore dominante dei servizi che ha interrotto una serie di sei mesi di contrazione, compensando il calo del settore manifatturiero.

Il Pmi composito preliminare Hcob a cura di S&P Global è salito a 48,9 questo mese rispetto al 47,9 di gennaio, superando le aspettative di un sondaggio Reuters pari a 48,5 ma segnando il nono mese al di sotto del livello dei 50 punti, che separa la crescita dalla contrazione.

L'ottimismo è migliorato e le aziende hanno aumentato gli organici al ritmo più veloce da luglio, segno che si aspettano che lo slancio continui. L'indice relativo all'occupazione è salito a 51,2 da 50,1.

Il Pmi dei servizi passa a 50 da 48,4 di gennaio, superando ampiamente le aspettative di 48,8 del sondaggio.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La flessione del comparto manifatturiero si è aggravata questo mese, con il Pmi che è sceso a 46,1 da 46,6, a fronte di un consensus pari a 47. Il valore è al di sotto di 50 da luglio del 2021 e la lettura di febbraio è la peggiore da luglio 2022.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Alessia Pé)