Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.426,39
    -1.500,47 (-2,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Debito Federale USA, si eviterà il default tecnico aumentando il tetto?

·3 minuto per la lettura

Ci risiamo, gli Stati Uniti d’America stanno per superare il tetto del loro debito pubblico. Negli Stati Uniti una legge approvata dal Congresso stabilisce un tetto massimo al debito che le amministrazioni federali possono contrarre, ma è ormai chiaro che non c’è modo di tenere a bada il debito e così di tanto in tanto da quella parte dell’Atlantico sono costretti ad aumentarsi il tetto del debito per evitare il ‘default tecnico’.

Cosa succede se il Congresso USA ad ottobre non trova un accordo sull’aumento del debito? Shutdown dei servizi federali, ovvero parchi nazionali chiusi, dipendenti delle amministrazioni federali a casa senza stipendio e numerosi uffici chiusi.

Negli Stati Uniti negli ultimi 10 anni vi hanno quasi fatto l’abitudine. Il recordman assoluto è il presidente Donald Trump, che in soli 4 anni di mandato ha vissuto ben tre shutdown, anche se uno di un solo giorno. Prima di lui Barack Obama nel 2013 e poi bisogna risalire al 1995 per il precedente shutdown.

Queste distanze temporali chiariscono, forse, la difficoltà degli ultimi anni a tenere a bada la crescita spropositata dei debiti degli Stati.

Tuttavia, secondo BlackRock, il Congresso troverà l’accordo e non ci saranno ulteriori scossoni all’economia dei 52 Stati, anche se i mercati finanziari restano in trepidante attesa di una fumata bianca e, forse, sono più scossi dallo shutdown che dalle decisioni che proverranno dalla riunione del FOMC del Federal Reserve System (FED) di domani.

Quali le conseguenze dello shutdown?

L’ultimo shutdown (22 dicembre 2018 – 25 gennaio 2019) durò 35 giorni, il più lungo della storia degli Stati Uniti. Durante quei giorni quasi un milione di impiegati restarono a casa senza stipendio, con conseguenze gravi su pagamenti di mutui e di qualsiasi altra spesa avevano da sostenere quei dipendenti.

Non solo, la chiusura di parchi naturali e di altre attrazioni turistiche federali causò un notevole danno all’economia del turismo. Senza contare l’interruzione dei servizi delle pubbliche amministrazioni federali.

Gli USA scontarono lo shutdown con un rallentamento del Pil nel primo trimestre del 2019.

Quando arriverà la decisione del Congresso?

Dal momento che a gestire la spesa è il Tesoro, si attenderà che questi arrivi alla soglia dell’esaurimento della capacità di spesa fissata lo scorso anno prima di approvare un aumento.

Ciò significa che un aumento del debito USA arriverà tra fine ottobre ed inizio novembre. Nel frattempo è lecito attendersi un po’ di volatilità e di nervosismo sui mercati finanziari statunitensi.

I pacchetti di aumento del debito federale USA in discussione

Il Congresso dovrà approvare un pacchetto di aumento della spesa del valore di 1.000 miliardi di dollari per investimenti sulle infrastrutture. Un pacchetto che sembra accettato da tutti i partiti.

Ma è previsto un secondo pacchetto di stimoli e di spesa del valore di 3.500 miliardi di dollari che dovrebbero essere spesi per la transizione energetica e per le spese sociali. Questi fondi dovrebbero in parte essere recuperati attraverso un aumento delle tasse voluto dall’amministrazione Biden sui redditi più alti, ma i repubblicani non sono per nulla d’accordo con Joe.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli