Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.922,16
    +40,66 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    37.986,40
    +211,02 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.282,01
    -319,49 (-2,05%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    83,24
    +0,51 (+0,62%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.986,32
    +2.008,89 (+3,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,97
    +59,34 (+4,52%)
     
  • Oro

    2.406,70
    +8,70 (+0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0661
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.967,23
    -43,89 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.918,09
    -18,48 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    +0,0056 (+0,65%)
     
  • EUR/CHF

    0,9693
    -0,0017 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4644
    -0,0007 (-0,05%)
     

Pop Sondrio verso ingresso Ftse Mib con revisione marzo, fuori Banca Generali

Il logo di Banca Popolare di Sondrio fuori dalla sede di Monza

MILANO (Reuters) - Banca Popolare di Sondrio dovrebbe entrare nell'indice Ftse Mib dei principali 40 titoli quotati in Italia, rafforzando il peso delle banche nel paniere, con la revisione trimestrale, la prima da inizio anno, che sarà annunciata mercoledì prossimo con efficacia 18 marzo.

Il titolo della banca valtellinese dovrebbe subentrare a Banca Generali che già era a rischio di "retrocessione" nella precedente revisione di novembre, quando poi è entrato Brunello Cucinelli al posto di Cnh successivamente delistata da Piazza Affari.

L'indice è ponderato in base alla capitalizzazione di mercato corretta per il flottante.

Secondo uno studio, citato da un operatore di mercato, lo scorso lunedì è scaduto il termine per i calcoli legati all'aggiornamento dell'indice e Popolare Sondrio è vista entrare nel principale indice di Borsa Italiana con un peso potenziale dello 0,55%, superiore a quello di Banca Generali pari allo 0,40%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Da inizio anno le azioni della banca registrano un saldo positivo di oltre il 20%, spinte anche dalle voci di M&A e la società capitalizza 3,14 miliardi. Oggi il titolo segna un rialzo dell'1,5% dopo avere toccato quota 7,17 euro, sui massimi da fine dicembre 2008.

Nella lista di riserva, secondo lo studio, dovrebbero entrare Buzzi, Saras, Banca Generali e Brembo.

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)