Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 1 hr 49 mins
  • FTSE MIB

    34.275,27
    -93,92 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    41.010,42
    +55,94 (+0,14%)
     
  • Nasdaq

    18.196,05
    -313,29 (-1,69%)
     
  • Nikkei 225

    41.097,69
    -177,39 (-0,43%)
     
  • Petrolio

    82,06
    +1,30 (+1,61%)
     
  • BTC-EUR

    59.276,96
    +755,71 (+1,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.344,52
    +2,20 (+0,16%)
     
  • Oro

    2.478,20
    +10,40 (+0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0948
    +0,0045 (+0,4159%)
     
  • S&P 500

    5.615,15
    -52,05 (-0,92%)
     
  • HANG SENG

    17.739,41
    +11,43 (+0,06%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.895,99
    -51,84 (-1,05%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9677
    -0,0066 (-0,68%)
     
  • EUR/CAD

    1,4953
    +0,0053 (+0,35%)
     

Bce continua a prevedere allentamento pressioni salariali - Lane

Il logo della Bce a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) - Sia l'indicatore salariale della Banca centrale europea sia il feedback da parte delle imprese mostrano che le pressioni salariali si stanno raffreddando e continueranno a diminuire nel prossimo anno e nel 2026.

Lo dice l'economista capo della Bce Philip Lane.

"Il motivo per cui pensiamo che l'inflazione scenda... l'anno prossimo è che questo è l'ultimo anno di forti aumenti salariali" ha detto Lane durante una conferenza a Napoli.

Anche le aziende intervistate direttamente dalla Bce prevedono un forte rallentamento della crescita salariale, in linea con i dati che consentiranno a Francoforte di riportare l'inflazione all'obiettivo del 2% entro il prossimo anno.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"Rispetto all'anno scorso, quando molte imprese si aspettavano una crescita dei salari del cinque o sei per cento, ora prevedono un aumento intorno al tre o quattro per cento", ha aggiunto Lane.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Alessia Pé)