Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.700,92
    +344,66 (+1,07%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,42 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.098,68
    +836,48 (+2,19%)
     
  • Petrolio

    76,57
    -2,04 (-2,60%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.579,88
    +464,75 (+0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.045,80
    +15,10 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0823
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.725,86
    -17,09 (-0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.872,57
    +17,21 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9531
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4606
    +0,0020 (+0,14%)
     

Bce, scendono aspettative inflazione - sondaggio

La sede della Bce, parzialmente coperta dalla nebbia, a Francoforte, in Germania

FRANCOFORTE (Reuters) - Le aspettative dei consumatori della zona euro sull'inflazione sono diminuite a novembre, ponendo fine a un'ascesa prolungata dovuta all'impennata dei prezzi dei generi alimentari e dell'energia che hanno causato un aumento del caro vita.

È quanto emerge da un sondaggio della Banca Centrale Europea pubblicato oggi.

L'inflazione ha toccato livelli a doppia cifra alla fine dello scorso anno, ma ora sembra aver raggiunto il proprio picco e l'attenzione della Bce si sta lentamente spostando dall'arresto dell'impennata alla velocità con cui riuscirà a riportarla all'obiettivo del 2%.

Le aspettative mediane di inflazione per i prossimi 12 mesi sono scese al 5% a novembre, dal 5,4% del mese precedente, mentre le aspettative di crescita dei prezzi per i prossimi tre anni sono scese al 2,9% dal 3%, ha comunicato la Bce sulla base di un sondaggio condotto su circa 14.000 persone in sei dei maggiori Paesi della zona euro.

A dimostrazione della grande dispersione delle risposte, l'aspettativa media ad un anno si è attestata al 7,3%, ben al di sopra del dato mediano.

In base alle proiezioni della Bce, la crescita dei prezzi tornerà al 3,6% nell'ultimo trimestre del 2023, ma la disinflazione rallenterà bruscamente e l'istituto centrale non vede un raggiungimento del target del 2% prima della seconda metà del 2025.

Il miglioramento delle aspettative d'inflazione è stato accompagnato da un maggiore ottimismo dei consumatori nei confronti dell'economia della zona euro.

Secondo una stima media, l'economia della zona euro si ridurrà del 2% nei prossimi 12 mesi, dopo la contrazione del 2,6% registrata a ottobre. La stima mediana è rimasta invariata a -0,1%.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)