Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    34.563,40
    +102,88 (+0,30%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,17
    +0,60 (+0,77%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.398,97
    -134,20 (-0,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.509,25
    +6,59 (+0,44%)
     
  • Oro

    2.370,50
    -22,40 (-0,94%)
     
  • EUR/USD

    1,0850
    +0,0022 (+0,21%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.053,46
    +28,29 (+0,56%)
     
  • EUR/GBP

    0,8517
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    0,9906
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,4823
    +0,0007 (+0,05%)
     

Lusso: per Jefferies, Hermes, Cucinelli e Ferrari sono i "Magnifici 3"

Il logo della casa di moda Hermes a Parigi

Secondo Jefferies, i marchi di extralusso Hermes, Ferrari e Brunello Cucinelli sono riusciti a mantenere vendite "costantemente forti" in un contesto economico incerto e la loro valutazione è ancora "brillante" rispetto ai concorrenti.

I titoli dei "Magnifici 3" sono aumentati del 12% in borsa negli ultimi 12 mesi, a fronte di un calo del 21% del resto del settore del lusso.

Secondo Jefferies, Hermes, Ferrari e Brunello Cucinelli si sono dimostrati particolarmente resistenti in un periodo di incertezza della domanda per il settore del lusso in generale, in quanto i tre gruppi beneficiano di una minore esposizione nei confronti dei consumatori "aspirazionali".

"I 'Magnifici 3' risultano fortemente posizionati per guidare una crescita interessante a sostegno di rendimenti (molto) sani", osserva il broker.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Jefferies preferisce Hermes (cui ha assegnato "buy") a Ferrari ("hold") e Cucinelli ("hold"), in quanto il profilo dei margini del gruppo francese è superiore.

Il broker afferma che i ricavi del gruppo noto per le borse Birkin sono principalmente guidati dai progressi nell'espansione dei marchi, che consentono di compensare la pressione ciclica.

Jefferies rimane più cauta su Cucinelli e Ferrari, segnalando l'indebolimento del profilo dei margini per la prima e le incertezze sulla crescita a lungo termine e il potenziale ostacolo derivante dal passaggio all'elettrificazione per la seconda.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Claudia cristoferi)