Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    34.600,44
    +139,92 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,15
    +0,58 (+0,75%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.377,95
    -95,93 (-0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.514,33
    +11,67 (+0,78%)
     
  • Oro

    2.370,60
    -22,30 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,0855
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.056,55
    +31,38 (+0,62%)
     
  • EUR/GBP

    0,8520
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9906
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4833
    +0,0017 (+0,11%)
     

Bce, Stournaras vede solo tre tagli tassi in 2024 su forte crescita

L'edificio della Bce nella nebbia, a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) - È "molto probabile" che la Banca centrale europea tagli i tassi di interesse solo tre volte quest'anno poiché la crescita economica più forte del previsto sostiene l'inflazione.

Lo ha detto il governatore della banca centrale greca Yannis Stournaras in un'intervista al sito web locale Liberal.gr.

La Bce ha promesso di iniziare a ridurre i costi di rifinanziamento dagli attuali livelli record a giugno, ma il percorso successivo è diventato più incerto nelle ultime settimane.

Stournaras, una 'colomba' che è stato tra i primi a chiedere un taglio dei tassi a giugno, ha affermato che la ripresa economica nel primo trimestre dell'anno rende più probabili tre tagli piuttosto che quattro.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"Sulla base di questi dati, consideriamo ora i tre tagli dei tassi di interesse nel 2024 come lo scenario più probabile", ha detto.

"Se questo ritmo di crescita economica continuerà, la crescita dei prezzi al consumo sarà probabilmente marginalmente più alta rispetto alle nostre previsioni di marzo, ma senza mettere a rischio l'obiettivo del 2% a metà 2025", ha proseguito.

Un secondo taglio a luglio - ha aggiunto - è "possibile" e le opzioni dopo l'estate rimangono aperte.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)