Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    37.716,31
    -266,93 (-0,70%)
     
  • Nasdaq

    15.888,59
    -286,51 (-1,77%)
     
  • Nikkei 225

    39.232,80
    -290,75 (-0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0625
    -0,0021 (-0,2019%)
     
  • BTC-EUR

    58.987,78
    -1.440,33 (-2,38%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.600,46
    -121,23 (-0,72%)
     
  • S&P 500

    5.061,07
    -62,34 (-1,22%)
     

Zona euro, calo manifatturiero peggiora nuovamente a marzo - Pmi

Carrozzerie di auto sollevate nella "Fabbrica 56" di Sindelfingen

LONDRA (Reuters) - L'attività manifatturiera della zona euro è peggiorata ulteriormente a marzo, registrando una contrazione più marcata rispetto a febbraio, mentre la domanda continua a calare.

È quanto emerge da un sondaggio S&P Global, che mostra comunque un aumento dell'ottimismo.

L'indice finale Hcob Purchasing Managers' Index (Pmi) per la zona euro è sceso a 46,1 a marzo rispetto a 46,5 di febbraio, battendo la stima preliminare di 45,7 ma rimanendo al di sotto della soglia di 50 - che separa la crescita dalla contrazione dell'attività - per il 21° mese.

L'indice che misura la produzione, che confluisce nel Pmi composito previsto per giovedì e che è considerato un buon indicatore della salute economica della zona euro, è salito da 46,6 a 47,1 in febbraio, migliorando la stima flash di 46,8.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Le industrie di tutta la zona hanno ridotto nuovamente gli organici, ma a dimostrazione del fatto che i dirigenti si aspettano un miglioramento, l'indice della produzione futura, un indicatore dell'ottimismo, è salito a 57,4 da 57,1, il valore più alto dall'aprile dello scorso anno.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)