Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    40.429,32
    +13,88 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    18.030,59
    +23,02 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    39.594,39
    -4,61 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    -0,0039 (-0,3582%)
     
  • BTC-EUR

    60.649,94
    -1.460,88 (-2,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.356,57
    -28,68 (-2,07%)
     
  • HANG SENG

    17.469,36
    -166,52 (-0,94%)
     
  • S&P 500

    5.568,34
    +3,93 (+0,07%)
     

Borsa Milano in calo, attende inflazione Ue, su Leonardo, balzo Sys-Dat al debutto

Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici in calo a Piazza Affari e sugli altri mercati europei su realizzi che seguono il rally di ieri innescato dall'esito del primo turno delle elezioni parlamentari in Francia.

Sul fronte macro c'è attesa per il dato dell'inflazione dell'intera zona euro per il quale il consensus prevede un raffreddamento in giugno a 2,5% su anno rispetto al 2,6% del mese precedente.

Ieri, intanto, la presidente della Bce, Christine Lagarde ha sottolineato che Francoforte non ha fretta di tagliare ancora i tassi alla luce dei positivi sviluppi dell'economia e della necessità di altro tempo per poter affermare che l'inflazione stia scendendo davvero verso il 2%.

Negli Usa oggi pomeriggio verranno diffusi i Jolts sui nuovi posti, uno degli indicatori più monitorati dalla Fed, mentre domani sarà la volta dei dati Adp e venerdì dei numeri del governo sugli occupati.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Intorno alle 9,40 il Ftse Mib è in calo dello 0,66%.

Nel comparto bancario cedenti le big UniCredit e Intesa Sanpaolo che registrano ribassi rispettivamente dello 0,6% e dello 0,34%. Mps perde lo 0,8%, deboli anche Bper e Banco Bpm.

Spunti su Leonardo in crescita dell'1,6% sulle indiscrezioni del Il Sole 24 Ore secondo cui la società è in trattative "molto avanzate" con il gruppo tedesco Rheinmetall per dare vita a un'alleanza sugli armamenti terrestri. Secondo il broker Equita, "l'accordo sarebbe positivo in quanto risolverebbe in tempi rapidi l'impasse che si era creata dopo l'annuncio dell'11 giugno dello stop alle negoziazioni in corso con Knds e permetterebbe a Leonardo anche di entrare nel progetto franco-tedesco del futuro carro armato pesante europeo".

Sul fronte opposto, venduta Stellantis che cede l'1,6%. Giù anche Iveco a -3,6%. Per la casa automobilistica pesano i dati sulle immatricolazioni di giugno in Francia, Italia e Spagna, che mostrano una crescita cumulata del 4% a livello di mercato su base annua contro il -4% segnato da Stellantis, sottolinea un broker.

Infine, debutto boom sul segmento Star per Sys-Dat con un balzo dell'11,75%. La società che offre servizi informatici ha avviato le contrattazioni con un prezzo di 3,4 euro a metà della forchetta indicata in fase di Ipo fra 3,20 e 3,80 euro.

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)