Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.580,52
    +262,41 (+0,76%)
     
  • Dow Jones

    40.000,90
    +247,15 (+0,62%)
     
  • Nasdaq

    18.398,45
    +115,04 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    41.190,68
    -1.033,34 (-2,45%)
     
  • Petrolio

    82,18
    -0,44 (-0,53%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.982,05
    +701,92 (+1,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.210,48
    +11,91 (+0,99%)
     
  • Oro

    2.416,00
    -5,90 (-0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,0910
    +0,0040 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    5.615,35
    +30,81 (+0,55%)
     
  • HANG SENG

    18.293,38
    +461,05 (+2,59%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.043,02
    +66,89 (+1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8397
    -0,0016 (-0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9751
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4865
    +0,0053 (+0,36%)
     

Leonardo e Rheinmetall siglano Mou per jv paritetica su difesa terrestre

Logo Leonardo su smartphone

MILANO (Reuters) - Leonardo e la tedesca Rheinmetall hanno oggi siglato un Memorandum of understanding, volto alla creazione di una nuova joint venture paritetica che ha l'obiettivo di sviluppare un approccio industriale e tecnologico di respiro europeo nel campo dei sistemi di difesa terrestre.

E' quanto si legge in una nota congiunta.

L'accordo è finalizzato allo sviluppo industriale e alla successiva commercializzazione del nuovo Main battle tank e della nuova piattaforma Lynx per il programma Armoured infantry combat system in seno ai programmi dei sistemi terrestri dell'Esercito italiano.

"Consideriamo questo accordo un contributo fondamentale verso la creazione di uno spazio della difesa europeo", ha così commentato l'AD di Leonardo, Roberto Cingolani.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

In particolare, la joint venture, che avrà sede in Italia, sarà il lead system integrator, prime-contractor e system integrator, in entrambi i programmi italiani 'Mbt' e 'Aics' e definirà anche la roadmap per la partecipazione nel futuro main ground combat system europeo.

Comunicato integrale

(Giancarlo Navach, editing Francesca Piscioneri)