Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.336,67
    +27,16 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    12.779,91
    -74,89 (-0,58%)
     
  • Nikkei 225

    27.819,33
    -180,63 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0326
    +0,0024 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    23.435,04
    +177,74 (+0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,13
    -1,61 (-0,28%)
     
  • HANG SENG

    20.082,43
    +471,59 (+2,40%)
     
  • S&P 500

    4.207,27
    -2,97 (-0,07%)
     

Borse Europa in ribasso su problemi forniture energia, timori Covid

Panoramica della borsa di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee perdono terreno, alle prese con i timori per le forniture energetiche, mentre i nuovi casi di Covid-19 in Cina e la scoperta di una nuova variante di coronavirus pesano sui titoli legati alle materie prime.

Alle 10,50 l'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,71%, interrompendo una serie positiva di tre giorni dopo aver fatto segnare venerdì scorso la migliore settimana delle ultime sette.

Il Nord Stream I, che trasporta il gas russo in Germania, inizia oggi la manutenzione annuale. L'interruzione della fornitura dovrebbe durare 10 giorni, ma i mercati temono che la chiusura possa essere prolungata a causa della guerra in Ucraina e che possa rendere più complessi i piani di stoccaggio per l'inverno.

UNIPER, tra i primi a segnalare l'impatto del calo delle forniture russe, perde il 7,88% sulla scia di una disputa tra Germania e Finlandia sui costi di salvataggio dell'importatore di gas.

Tutti i principali settori sono in rosso, guidati dai minerari con -2,2%, a causa del crollo i prezzi dei metalli e del minerale di ferro sui timori che l'aumento dei casi di Covid-19 a Shanghai porti a ulteriori restrizioni.

I titoli del lusso, che derivano una parte della domanda dalla Cina, scivolano con LVMH che cede l'1,71%.

I mercati hanno vissuto due settimane difficili a causa dei timori di recessione e l'euro che si avvicina alla parità con il dollaro contribuisce ad alimentare le preoccupazioni degli investitori per il potenziale impatto sugli utili.

Gli investitori attendono i dati sull'inflazione di giugno negli Stati Uniti, in agenda per mercoledì, dopo che la scorsa settimana i dati sull'occupazione, più forti del previsto, hanno corroborato l'ipotesi di un altro rialzo di 75 punti base da parte della Federal Reserve questo mese.

Tra i singoli titoli influenzati dai risultati, male DANSKE BANK e WIZZ AIR che perdono intorno al 4% ciascuna dopo aver pubblicato previsioni piuttosto cupe.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli