Italia markets close in 4 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    22.113,88
    +25,52 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,72
    +0,45 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    27.324,49
    -165,24 (-0,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    674,59
    -2,31 (-0,34%)
     
  • Oro

    1.862,70
    +6,50 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,2162
    -0,0012 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.598,41
    -4,00 (-0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8883
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0778
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5441
    -0,0058 (-0,37%)
     

Greggio estende guadagni dopo inattesi tagli output da Arabia Saudita

·1 minuto per la lettura
Un giacimento petrolifero a Midland

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio estendono i guadagni, toccando i massimi da fine febbraio 2020, dopo che l'Arabia Saudita ha annunciato la decisione volontaria di tagliare la produzione e i dati Api hanno mostrato un calo delle scorte la scorsa settimana.

Alle 12,45 i futures sul Brent sono in rialzo di 31 centesimi, o lo 0,6%, a 53,91 dollari al barile, dopo aver registrato, nel corso della seduta, i massimi livelli dal 26 febbraio 2020, e dopo il balzo di circa il 5% di ieri.

I futures sul greggio Usa guadagnano 21 centesimi, o lo 0,42%, a 50,14 dollari al barile, dopo aver toccato anche in questo caso i massimi dal 26 febbraio. Il contratto ha chiuso ieri a +4,6%.

L'Arabia Saudita, primo esportatore di petrolio al mondo, ha annunciato ieri che effettuerà ulteriori tagli all'output di 1 milione di barili al giorno su base volontaria nei mesi di febbraio e marzo, a seguito della riunione dell'Opec+.

La rapida diffusione dei contagi da coronavirus mette tuttavia in guardia gli investitori da possibili nuovi impatti sulla domanda.

L'Opec+ ha concordato che gran parte dei produttori manterrà l'output stabile a febbraio e marzo, mentre a Russia e Kazakistan è stato concesso un aumento di appena 75.000 barili al giorno a febbraio e altri 75.000 a marzo.

Le scorte greggio negli Stati Uniti sono scese di 1,7 milioni di barili nella settimana conclusasi l'1 gennaio a 491,3 milioni di barili, secondo i dati diffusi ieri dall'Api.

Attesi per oggi i dati dell'Eia relativi alle scorte settimanali di prodotti raffinati negli Usa.