Italia Markets close in 5 hrs 11 mins

Password di Stato: polemica sull'idea della ministra Pisano

Password di Stato: polemica sull'idea della ministra Pisano

Scoppia la polemica in seguito a una frase della ministra dell’Innovazione Tecnologica e della Digitalizzazione Paola Pisano. Intervenuta alla trasmissione Eta Beta su Radio 1, ha annunciato di voler affidare il rilascio di tutte le username e password allo Stato.

LEGGI ANCHE: Tensioni Usa-Iran, Conte preoccupato: polemica per la reazione di Salvini

"Con l’identità digitale noi avremo un'unica e sola user e password per accedere a tutti i servizi digitali della Pubblica Amministrazione", ha detto Pisano. Le credenziali “potrebbero essere utilizzate per accedere anche ai servizi del privato. Per esempio, il nostro conto in banca (...) o per comprare su Amazon. Ogni volta che noi abbiamo una user e una password, questa user e password dovrebbe essere data dallo Stato, perché è lo Stato l’unico soggetto che ha davvero certezza che quello è quel cittadino. E lei lo sa quante truffe ci sono sull’identità su Internet".

VIDEO - I 5 hacker più famosi

La sua dichiarazione ha subito suscitato alcune polemiche, alle quali è seguito un dietrofront su Twitter: "Nessuna nuova proposta, né nuova password di Stato. Il ministro Paola Pisano a "Eta Beta Radio1" si riferiva alla Spid già usata da 5 mln di italiani. L'intenzione da discutere con tutti gli interlocutori istituzionali competenti e' solo quella di affidarne la gestione direttamente allo Stato".

Il leader della Lega Matteo Salvini ha commentato così la notizia su Twitter: “Grande Fratello al governo, questi sono pericolosi". L'ex ministro dell'Interno ha allegato un'immagine che ritrae la ministra Pisano e poi più in basso Luigi Di Maio, Giuseppe Conte con il suo portavoce Rocco Casalino.

VIDEO - Salvini su Facebook prende in giro il Papa

Matteo Renzi è della stessa opinione: "L'idea di fornire come Stato la password unica utilizzabile persino per i servizi privati è inquietante prima ancora che sbagliata".

"Il ministro Pisano”, ha aggiunto su Facebook, “si preoccupi di attuare il piano già predisposto lanciato dai nostri governi con Diego Piacentini e Paolo Barberis sui temi dell`identità digitale fornendo un`unica app al cittadino per tutti i servizi della Pubblica Amministrazione. E metta da parte strane idee stile Grande Fratello. Siamo un Paese in cui lo Stato deve fare meno, non controllare di più”.