Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.485,82
    +707,18 (+1,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,64
    -4,20 (-0,31%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Usa, aspettative generali di aumento inflazione - sondaggio Fed New York

La bandiera degli Stati Uniti davanti alla Federal Reserve Bank di New York

(Reuters) - I cittadini statunitensi il mese scorso erano pronti per pressioni inflazionistiche generalmente più elevate per i prossimi anni e a un'accelerazione dell'aumento dei prezzi delle case.

È quanto risulta da un rapporto pubblicato dalla Federal Reserve Bank di New York.

Nell'ultimo sondaggio sulle aspettative dei consumatori, la banca ha rilevato che gli intervistati prevedono un'inflazione a un anno pari al 3,3%, rispetto al 3% di marzo, mentre l'inflazione a tre anni è vista in calo, con un aumento previsto del 2,8% rispetto al 2,9% del mese precedente. L'inflazione a cinque anni è vista al 2,8%, contro il 2,6% di marzo.

L'obiettivo di inflazione della Fed è del 2% e l'indice dei prezzi delle spese per consumi personali, l'indicatore di inflazione preferito dalla banca centrale, si è attestato a marzo a +2,7% su base annua, rispetto al 2,5% di febbraio.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nel sondaggio, gli intervistati hanno anche detto di aspettarsi forti pressioni sui prezzi da qui a un anno in tutte le categorie misurate, tra cui affitto, cibo, benzina e spese mediche. L'aumento previsto dei prezzi delle case da qui a un anno è salito al livello più alto da luglio 2022, con un incremento del 3,3% rispetto al 3% che era prevalente nei precedenti sette mesi.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Gianluca Semeraro)