Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.178,62
    -32,46 (-0,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Zona euro, sentiment scende a minimi due anni a ottobre

Bandiere dell'Unione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Il sentiment della zona euro è sceso ai minimi di due anni in ottobre, con un calo della fiducia nell'industria e nei servizi, ma con lievi segnali incoraggianti da alcune previsioni di miglioramenti futuri e da un calo delle aspettative di inflazione.

L'indice mensile della Commissione europea che misura il sentiment economico è sceso a 92,5 punti in ottobre da 93,6 di settembre, esattamente in linea con la media delle previsioni degli economisti intervistati da Reuters.

I dati hanno mostrato un calo della fiducia nell'industria e nei servizi, ma una leggera ripresa nell'edilizia, nel commercio al dettaglio e tra i consumatori, quest'ultimo segnando un rimbalzo da un minimo storico nel 2000.

Le aziende manifatturiere si sono mostrate più negative sul portafoglio ordini e sull'andamento della produzione negli ultimi mesi, anche se hanno espresso un giudizio leggermente più positivo sulle aspettative di produzione.

Anche nel settore dei servizi le aziende hanno espresso un giudizio più negativo sull'attività degli ultimi tre mesi e hanno espresso una visione simile sulla domanda del prossimo trimestre.

I consumatori hanno dato una valutazione negativa delle condizioni attuali, ma si sono dimostrati un po' più ottimisti sulle prospettive dell'economia e della loro stessa situazione finanziaria per il prossimo anno, anche se non hanno segnalato una maggiore disponibilità a fare acquisti importanti.

Le aspettative sull'inflazione e sui prezzi di vendita sono diminuite per i consumatori e l'industria, ma sono aumentate per i servizi, fornendo un certo conforto alla Banca centrale europea che ieri ha alzato i tassi di interesse al livello più alto dal 2009.

La Bce ha detto che sono già stati compiuti progressi "significativi" nel tentativo di contrastare un'impennata storica dell'inflazione.

Per i dati della Commissione europea, cliccare su:

https://ec.europa.eu/info/business-economy-euro/indicators-statistics/economic-databases/business-and-consumer-surveys_en

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)