Dietro la Notizia

Parlamentari: i tagli agli stipendi? Li decideranno da soli

Enrico Giovannini ha gettato la spugna: il presidente dell'Istat, a capo della commissione chiamata ad allineare gli stipendi dei parlamentari italiani a quelli dei colleghi europei, ha rinunciato all'impresa. Troppe le norme da prendere in considerazione, e spesso in contraddizione tra loro, per poter arrivare a una proposta sensata. Questa la sua analisi: proviamo a capire cosa cambierà e come.

Economia a picco, costo della politica in alto

Un dato è certo: in nessun Paese europeo l'indennità dei parlamentari è elevata come in Italia:
11.283 euro per un deputato e 11.550 euro per un senatore. In Francia e Germania la retribuzione è più bassa di circa il 40%. Insomma, in un Paese considerato tra i più a rischio sul fronte del debito pubblico come il nostro, e a fronte di una disoccupazione crescente, i parlamentari non se la passano male.

Il Paese del Gattopardo

Tutto chiaro dunque? Niente affatto perché, a fronte di dati chiari, dalle stesse aule parlamentari sono partiti i distinguo: si è fatto notare che la tassazione in Italia è più pesante che altrove (come se la cosa non fosse valida per gli stipendi, ben più contenuti, dei normali lavoratori), poi che il dato sull'indennità è parziale; andrebbe considerata anche la diaria, che secondo alcuni da noi è meno generosa che altrove, e comunque viene calcolata diversamente, tanto da rendere difficile il confronto. Come se non bastasse, il lavoro della Commissione Giovannini è stato complicato da una serie di paletti imposti al tentativo di confronto e alla fine si è arrivato al risultato più atteso (forse sperato). Nulla da fare: il confronto è impossibile.

Chi controlla i controllori?

Cosa succede ora? Il Governo ha preso atto della decisione assunta dal capo dell'Istat e fa sapere che  "proseguirà la propria azione nell'obiettivo di giungere a una razionalizzazione dei trattamenti retributivi in carico alle amministrazioni pubbliche". Fatto sta che ora la passa al Parlamento, che in sostanza dovrà decidere sul proprio conto e, dati i precedenti, c'è da essere poco ottimisti.



Dietro la notizia è il blog di Yahoo Finanza che racconta quello che c'è dietro le notizie, a volte nascoste nelle pieghe dei media. Uno sguardo critico sulle ultime novità in tema di risparmio, investimenti, economia delle imprese e fiscalità.

Rss Dietrolanotizia

[X]

Come registrarsi

Passa su ogni sezione per registrarti usando i feed Aggiungi a Mio Yahoo o Feed RSS.

Yahoo Notizie offre tantissimi feed RSS che puoi leggere in Mio Yahoo o usando software per la lettura di news RSS di terzi. Fai clic qui per maggiori informazioni sui feed RSS e su come puoi utilizzarli con Yahoo Notizie.

I nostri contenuti originali