Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.685,37
    +2,00 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2041
    +0,0061 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    46.680,86
    -38,22 (-0,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.273,08
    -25,88 (-1,99%)
     
  • HANG SENG

    29.106,15
    +136,44 (+0,47%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

Atlantia guarda opportunità per estendere presenza in settore aeroporti

·1 minuto per la lettura
Il logo di Atlantia

MILANO (Reuters) - Atlantia valuterà opportunità nel settore aeroportuale volte ad estendere la propria presenza, guardando a scali che rappresentano importanti destinazioni finali da un punto di vista turistico, come già è per Roma.

E' quanto si legge in una nota sulle nuove linee di sviluppo strategico illustrate dal gruppo alla comunità finanziaria.

"Le difficoltà prodotte dalla pandemia possono aprire opportunità di questo tipo a livello internazionale, e Atlantia è fortemente decisa a partecipare da protagonista a questo probabile processo di consolidamento su scala europea", dice il comunicato.

Quanto ad Autostrade per l'Italia (Aspi), il nuovo piano industriale "renderà gli asset gestiti sempre più sicuri e garantirà il prolungamento della vita utile delle opere ben oltre i termini dell'attuale concessione".

Sempre nel settore autostradale, Abertis continuerà ad essere la piattaforma internazionale di riferimento del gruppo, sviluppando ulteriormente il proprio portafoglio e proseguendo il percorso di crescita nel mondo.

Il gruppo ha anche allo studio un fondo di corporate venture capital focalizzato sull'innovazione per la mobilità, che offrirà, accanto al feeding, servizi di coaching e go-to-market a start-up innovative, con una dotazione a regime di "alcune centinaia di milioni di euro".

Il Cda ha inoltre approvato il piano di sostenibilità 2021-2023 del gruppo, che prevede carbon neutrality di tutte le società entro il 2040 (anticipando di 10 anni i termini dell'Accordo di Parigi sul clima) e il raddoppio della quota di energia elettrica utilizzata proveniente da fonti rinnovabili.