Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.301,85
    -1.093,52 (-2,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Confindustria non sarà il partito di Draghi

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - 2021/09/23: The president of Confindustria Carlo Bonomi  (Photo: SOPA Images via Getty Images)
ROME, ITALY - 2021/09/23: The president of Confindustria Carlo Bonomi (Photo: SOPA Images via Getty Images)

Confindustria non si candida a fare un suo partito, si limita solamente a richiamare l’attenzione dei partiti a ragionare sui temi al centro dell’agenda del governo. Lo ha dichiarato il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervistato da Lucia Annunziata nel corso della trasmissione Mezz’ora in più, in onda su Rai3.

“Noi abbiamo rispetto dei partiti e delle istituzioni, abbiamo solo messo in evidenza che il governo Draghi su tre punti essenziali ha fatto le cose che servivano al Paese: portare a compimento un piano vaccinale, riscrivere il Pnrr e riportare credibilità all’Italia in Europa, nel G20 e nella Nato”, ha osservato Bonomi. “Siamo in un momento storico eccezionale, e le risorse del Next generation Eu sono sufficienti per dare risposte epocali”, ha aggiunto.

Sulla proposta di un Patto, “la risposta dei sindacati mi è sembrata positiva. Io ho letto comunque la voglia di esplorare questa possibilità perché alcune cose sono demandate alla politica, altre alle parti sociali. Noi e i sindacati abbiamo una responsabilità. Mi aspetto il meglio dall’incontro di domani tra Draghi e i sindacati. Se le parti sociali si siedono ai tavoli, i problemi si risolvono e non si nascondono”, ha commentato il numero uno di Confindustria.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli