Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.449,38
    +185,90 (+0,64%)
     
  • Nasdaq

    11.845,31
    -9,66 (-0,08%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1833
    -0,0029 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    15.513,35
    -39,72 (-0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    362,93
    +1,50 (+0,42%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.563,46
    +5,92 (+0,17%)
     

Coronavirus nell'aria, qual è il rischio di contagio: una scoperta cambia tutto

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Businessman wearing surgical mask to protect fCoronavirus nell'aria, qual è il rischio di contagio: una scoperta cambia tutto (Getty Images)rom flu/air pollution in city.
Coronavirus nell'aria, qual è il rischio di contagio: una scoperta cambia tutto (Getty Images)

La cosiddetta “airborne”, ovvero la probabilità del contagio da coronavirus nell'aria è bassa, a eccezione delle zone di assembramento. A dirlo è uno studio multidisciplinare, condotto dall'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr (Isac) di Lecce, dall'Università Ca' Foscari Venezia, dall'Istituto di scienze polari del Cnr (Isp) di Venezia e dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata (Izspb), avviato con il progetto "AIR-CoV" e pubblicato sulla rivista scientifica Environment International.

GUARDA ANCHE - Covid, da cosa dipendono le forme gravi?

Sono state prese come oggetto di studio due città italiane, “Venezia-Mestre e Lecce, collocate in due parti del Paese con diffusione del Covid-19 molto diversa nella prima fase della pandemia", ha spiegato Daniele Contini, ricercatore Cnr-Isac. Sono stati raccolti vari campioni, dalle nanoparticelle al PM10, determinando la presenza dell'Rna del Sars-CoV-2.

GUARDA ANCHE - Quanto tempo dura l’infezione?

“Tutti i campioni - ha proseguito Contini - sono risultati negativi, la concentrazione di particelle virali è risultata molto bassa nel PM10 (inferiore a 0.8 copie per m3 di aria) e in ogni intervallo di dimensioni (inferiore a 0,4 copie/m3 di aria). Pertanto, la probabilità di trasmissione airborne all'esterno, con esclusione delle zone molto affollate, appare molto bassa, quasi trascurabile. Negli assembramenti le concentrazioni possono aumentare, pertanto è assolutamente necessario rispettare le norme anti-assembramento". Per Andrea Gambaro, professore a Ca' Foscari, "è quindi auspicabile mitigare il rischio attraverso la ventilazione periodica degli ambienti, l'igienizzazione delle mani e delle superfici e l'uso delle mascherine".