Italia markets open in 8 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    30.303,17
    -633,83 (-2,05%)
     
  • Nasdaq

    13.270,60
    -355,47 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,01 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0062 (-0,51%)
     
  • BTC-EUR

    25.074,40
    -1.815,32 (-6,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,55
    -24,37 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,77 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.750,77
    -98,85 (-2,57%)
     

Previsioni giornaliere fondamentali sul prezzo del petrolio – L’enorme aumento delle scorte di benzina potrebbe iniziare a pesare sui prezzi

James Hyerczyk
·3 minuto per la lettura

I futures sul petrolio greggio US West Texas Intermediate e sul benchmark internazionale Brent sono scambiati ai livelli più alti dalla fine di febbraio all’inizio di giovedì, supportati da un calo delle scorte di greggio statunitensi e dalla decisione unilaterale dell’Arabia Saudita di tagliare la produzione.

Alle 12:04 GMT, il greggio WTI di febbraio viene scambiato a $ 50,78, in rialzo di $ 0,15 o 0,30% e il greggio Brent di marzo a $ 54,23, in calo di $ 0,07 o -0,13%.

Rapporto settimanale sulle scorte della U.S. Energy Information Administration

Le scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti sono diminuite bruscamente la scorsa settimana mentre le scorte di carburante sono aumentate, ha detto mercoledì l’Energy Information Administration (EIA).

Le scorte di greggio sono diminuite di 8 milioni di barili nella settimana al 1 ° gennaio a 485,5 milioni di barili, il loro calo più grande da agosto, superando le aspettative degli analisti in un sondaggio Reuters per un calo di 2,1 milioni di barili. L’abbassamento delle scorte è tipico per la fine dell’anno, quando le società energetiche ritirano i barili dallo stoccaggio per evitare pesanti bollette fiscali.

Le scorte di benzina statunitensi sono aumentate di 4,5 milioni di barili la scorsa settimana, il più grande aumento da aprile, ha detto l’EIA, prima delle aspettative per un aumento di 1,5 milioni di barili.

Le scorte di distillati, che includono diesel e olio da riscaldamento, sono aumentate di 6,4 milioni di barili, contro le aspettative di un aumento di 2,3 milioni di barili.

Le produzioni di greggio di raffineria sono aumentate di 89.000 barili al giorno nella settimana, con tassi di utilizzo aumentati di 1,3 punti percentuali all’80,7% della capacità, il più alto da agosto.

I prezzi del petrolio si sono sostenuti dopo che l’Arabia Saudita ha annunciato un taglio volontario alla produzione

I prezzi del petrolio hanno continuato a salire giovedì in risposta alla decisione dell’Arabia Saudita di effettuare un forte taglio volontario alla produzione.

L’Arabia Saudita, il più grande esportatore di petrolio del mondo, ha detto all’inizio della settimana che effettuerà ulteriori tagli volontari alla produzione di petrolio di 1 milione di barili al giorno (bpd) a febbraio e marzo, dopo una riunione dell’OPEC +, che raggruppa l’Organizzazione del petrolio Paesi esportatori e altri produttori, inclusa la Russia.

L’OPEC + ha convenuto che la maggior parte dei produttori manterrà la produzione stabile a febbraio e marzo, consentendo a Russia e Kazakistan di aumentare la produzione di un modesto 75.000 barili al giorno a febbraio e di altri 75.000 barili al giorno a marzo.

Con la rapida diffusione delle infezioni da coronavirus, i produttori diffidano di un ulteriore impatto sulla domanda.

Prospettive a breve termine

I mercati continuano a macinare più in alto, ma non sembra che abbiamo lo stesso tono euforico che abbiamo visto all’inizio della settimana.

Il grande balzo delle scorte di benzina nel rapporto EIA dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni per gli acquirenti di petrolio greggio perché riflette un rallentamento dell’economia e una domanda inferiore. Questo potrebbe iniziare a incoraggiare gli investitori a tagliare alcune delle loro posizioni lunghe giovedì.

I mercati potrebbero scendere bruscamente senza cambiare tendenza perché le mosse dell’OPEC + di questa settimana indicano flessibilità, che impedirà un enorme sell-off come abbiamo visto all’inizio dello scorso anno quando è iniziata la pandemia. Se la pandemia peggiora e la domanda scende ulteriormente, l’OPEC + avrà la possibilità di continuare a posticipare o addirittura aumentare i tagli alla produzione. Questa sarà una rete di sicurezza per gli acquirenti.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: