Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    29.928,89
    -455,31 (-1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Prezzi Oro: Quotazioni in Parità al Culmine di una Sessione Molto Travagliata

·2 minuto per la lettura

Il bilancio a metà settimana è molto positivo per i prezzi dell’oro che hanno raggiunto quest’oggi un nuovo picco relativo a 1891.3, spingendo fino ad un provvisorio +2.57% l’incremento dalla chiusura di venerdì 14 scorso. Il mercato è tuttavia reduce da una sessione alquanto travagliata, con prezzi appesantiti da iniziali prese di beneficio e minimi relativi toccati nel primo pomeriggio a 1852.2. Successivamente, e con maggiore intensità dopo l’apertura di Wall Street, si è sviluppato un rapido recupero sfociato nel picco di quota 1891.3, ma mentre scriviamo (ore 20.20 CET) le quotazioni sono di nuovo tornate ad oscillare attorno alla parità.

L’impostazione rialzista che sorregge i corsi dall’8 marzo è ancora pienamente attiva, anche se dobbiamo sottolineare che sono state appena raggiunte entrambe le proiezioni rialziste aggiornate con l’analisi di venerdì scorso a 1873.00/73.50 e 1885.00/85.40. E’ quindi plausibile che si possa formare adesso una provvisoria fase di correzione o di stabilizzazione, al fine di consentire al mercato di “scaricare” l’ipercomprato, consolidare la tenuta di nuovi supporti, e gettare le basi per un successivo ulteriore allungo.

Il supporto principale di medio periodo, quello che sorregge l’intero movimento in atto dall’8 marzo, è localizzato adesso non prima di 1754.50/58.50, circa il 6% più in basso dei valori attuali. Nel contempo, le proiezioni rialziste aggiornate fissano nuovi obiettivi già a quota 1915.5/17.5 e quota 1935.5/1941.5, per cui non oltre il 3.50/3.70% dai valori attuali. Ne consegue che da questi prezzi è preferibile non impostare ex-novo posizioni rialziste di tendenza, che necessiterebbero di uno stop-loss eccessivamente ampio rispetto al potenziale margine di guadagno.

Il quadro tecnico per l’oro

Da un punto di vista tecnico è preferibile, per nuovi acquisti, attendere un eventuale arretramento almeno fino a quota 1806.5/1811.5, fissando lo stop sotto 1754.50 (=chiusura daily). Se invece non si sviluppasse alcun arretramento, una volta raggiunti gli obiettivi (almeno il primo, quota 1915.5) avremo modo di aggiornare con le prossime analisi tutti i riferimenti tecnici, individuando altre occasioni di ingresso (long o short). Per chi invece è già adesso esposto al rialzo, conviene monitorare con attenzione la tenuta dei supporti di breve periodo che sono localizzati già a 1857.0 e 1843.5/45.0, sotto cui la pressione rialzista cederebbe il passo all’avvio di una correzione.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli