Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.439,19
    +1.176,67 (+2,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Ripresa di Forza del Cambio Euro Dollaro

Angelo Papale
·2 minuto per la lettura

Il cambio euro dollaro ha mostrato la sua forza dopo i dati sull’inflazione americana. Infatti, i dati inflazionistici non hanno convinto gli operatori economici a puntare sul biglietto verde.

Ciò è dovuto al fatto che gli effetti inflazionistici sono frutto di immissione di grande liquidità da parte della FED. Ciò porta a pensare che i consumi di beni e servizi, risultando il dato “drogato”.

Nel breve termine, in Europa la situazione risulta ancora in alto mare per via delle sempre citate restrizioni che non accennano a diminuire. Questo andazzo però dovrebbe cambiare con l’arrivo dell’estate e la ripresa dell’attività turistica.

A tutto questo si aggiunge la Commissione UE che, insieme a molti Paesi, ha deciso di non rinnovare i contratti con AstraZeneca e J&J per il prossimo anno, concentrandosi su Pfizer e Moderna.

Calendario giornaliero cambio EUR/USD

Il rialzo del cambio euro dollaro, oltre all’inflazione americana, risulta giustificato dai dati europei. Infatti, anche se negativa la produzione industriale mensile del mese di febbraio risulta ridotta dell’1% rispetto al -1,1% preventivato.

Comunque i trader sono in attesa del discorso della Presidente della BCE Lagarde che parlerà oggi alle 16:00. Spostandoci negli USA, alle 16:30 verranno pubblicati i dati sulle scorte di petrolio greggio.

L’Energy Information Administration (EIA), nel precedente report, ha registrato una riduzione di 3,522 milioni di unità. Oggi ci si aspetta un ulteriore riduzione di 2,889 milioni di unità. Alle 18:00 ci sarà il discorso del Presidente della FED Powell, chiamato in causa per spiegare l’andamento economico del Paese e le prossime mosse sulla politica monetaria.

Rottura del livello 1.19150 per il cambio euro dollaro.

Nella sessione giornaliera di ieri, il cambio euro dollaro ha sfondato la soglia di 1.19150. Come detto precedentemente, i dati inflazionistici USA non hanno convinto gli operatori economici, spingendo maggiormente l’euro.

Sarà interessante vedere se il fiber riesca a mantenersi al di sopra di questa soglia che potrebbe dare un segnale rialzista molto importante. Attenzione nei pressi del massimo registrato nell’ultima settimana di agosto 2020, pari a 1.20114.

Potrebbe essere una soglia psicologica che gli addetti ai lavori tengono in considerazione. Al di sopra di questa soglia, il primo target è 1.20925, livello da cui si è dato via alla correzione del cambio.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: