Italia markets open in 5 hours 59 minutes
  • Dow Jones

    32.654,59
    +431,17 (+1,34%)
     
  • Nasdaq

    11.984,52
    +321,73 (+2,76%)
     
  • Nikkei 225

    27.027,20
    +367,45 (+1,38%)
     
  • EUR/USD

    1,0557
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • BTC-EUR

    28.900,43
    +145,48 (+0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    686,50
    +443,82 (+182,88%)
     
  • HANG SENG

    20.602,52
    +652,31 (+3,27%)
     
  • S&P 500

    4.088,85
    +80,84 (+2,02%)
     

Gusto e tradizione, oggi è "World Pizza Day": ma la pandemia penalizza il business

Il 17 gennaio ricorre la giornata dedicata al piatto italiano più famoso nel mondo. Al trancio o rotonda, tradizionale o gourmet, la pizza è uno dei cibi più amati del pianeta, non a caso dichiarato nel 2017 Patrimonio Immateriale dell’umanità Unesco. Nel 2020 - secondo i dati dall’indagine Cna agroalimentare - sono state sfornato ogni giono in Italia circa otto milioni di pizze, quasi tre miliardi in un anno, per un fatturato di 15 miliardi. E un movimento economico superiore ai 30. A causa del Covid - emerge tuttavia da un'analisi della Coldiretti - le pizzerie italiane italiane hanno subito nel 2021 un crack da 2,5 miliardi di euro, rispetto a prima della pandemia, a causa di chiusure e restrizioni, oltre alla presenza "a singhiozzo" dei turisti stranieri. Nata a Napoli, la passione per la pizza è comunque una consuetugina gastronica diventata planetaria, con gli americani che sono i maggiori consumatori con 13 chili a testa mentre gli italiani guidano la classifica in Europa con 7,6 chili all'anno, e staccano spagnoli (4,3), francesi e tedeschi (4,2), britannici (4), belgi (3,8), portoghesi (3,6) e austriaci che, con 3,3 chili di pizza pro capite annui, chiudono questa classifica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli