Italia markets close in 6 hours
  • FTSE MIB

    24.454,82
    -348,08 (-1,40%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,57
    -0,35 (-0,54%)
     
  • BTC-EUR

    45.682,02
    -2.497,97 (-5,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.477,02
    -84,28 (-5,40%)
     
  • Oro

    1.836,60
    -1,00 (-0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2170
    +0,0035 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.948,79
    -85,46 (-2,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8608
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0966
    +0,0032 (+0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,4715
    +0,0031 (+0,21%)
     

Amm balza 16% in borsa, verso prezzo Opa Link Mobility

·1 minuto per la lettura

MILANO (Reuters) - Le azioni Amm mettono a segno un balzo a doppia cifra dopo che ieri sera è stato annunciato un accordo per la cessione di una partecipazione di oltre l'80% a Link Mobility Group, che lancerà un'Opa totalitaria finalizzata al delisting a 2,4 euro per azione.

Il corrispettivo, si legge in una nota della società che opera nel mercato del mobile marketing&services e del web advertising, esprime un premio pari al 46% circa rispetto al prezzo medio ponderato di mercato degli ultimi 12 mesi, al 44% circa degli ultimi 6 mesi, al 30% circa degli ultimi 3 mesi e al 21% circa dell'ultimo mese.

Intorno alle 13,15 il titolo, quotato all'Aim, balza del 16,4% a 2,34 euro.

Nello specifico, le società Oenne e Hdr cederanno il 32% circa ognuna e altre quote saranno vendute dagli azionisti Monica De Barba, Marco Balcon, Alberto Barbaglia e Maria Rita Tagliabue, tutte al prezzo di 2,4 euro.

Nell'ambito dell'operazione, è previsto che i venditori reinvestano un ammontare pari al 40% del prezzo rispettivamente ricevuto in Link Mobility Group Holding Asa, società che controlla l'acquirente, le cui azioni sono quotate alla borsa di Oslo.

"L'operazione rappresenta un ulteriore passo volto a supportare il piano di sviluppo strategico già avviato con l'operazione di quotazione sul mercato Aim Italia nell'aprile 2019 e ne conferma la bontà del progetto industriale e la capacità di attrarre l'interesse di primari player già riscontrata in sede di Ipo", si legge nella nota.

(In redazione Sabina Suzzi, Gianluca Semeraro)