Italia markets close in 4 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    24.005,03
    +128,95 (+0,54%)
     
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    111,31
    +1,54 (+1,40%)
     
  • BTC-EUR

    27.890,51
    +226,82 (+0,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    661,66
    +5,84 (+0,89%)
     
  • Oro

    1.853,40
    -12,00 (-0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,0672
    -0,0065 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.659,33
    +11,77 (+0,32%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    -0,0028 (-0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0282
    -0,0029 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,3701
    -0,0056 (-0,41%)
     

Ascesa e declino di Monte dei Paschi, la più antica banca del mondo

Ingresso sede di Monte dei Paschi di Siena (MPS)

MILANO (Reuters) - La Corte d'appello di Milano ha assolto oggi "perché il fatto non sussiste" tutti e 13 gli imputati del processo per i derivati di Banca Mps, oltre a Deutsche Bank e Nomura.

Ecco in successione gli eventi chiave nella storia recente del Monte dei Paschi, la più antica banca del mondo ancora in attività, fondata nel 1472.

NOVEMBRE 2007 - Mps acquista Antonveneta dal Santander per 9 miliardi di euro in contanti. Soltanto pochi mesi prima la banca spagnola aveva pagato 6,6 miliardi di euro per l'istituto veneto.

GENNAIO 2008 - Mps annuncia un aumento di capitale da 5 miliardi, un altro separato e riservato a JPMorgan da 950 milioni, l'emissione di bond Tier 2 da 2,2 miliardi di euro e un finanziamento ponte da 1,95 miliardi.

MARZO 2008 - La Banca d'Italia guidata da Mario Draghi approva l'acquisizione di Antonveneta a condizione che Mps ripristini il suo capitale.

MARZO 2009 - Il Tesoro sottoscrive 1,9 miliardi di bond emessi da Mps.

LUGLIO 2011 - Mps raccoglie 2,15 miliardi con un aumento di capitale prima degli stress test europei.

SETTEMBRE 2011 - La Banca d'Italia eroga 6 miliardi di euro di liquidità di emergenza a Mps attraverso operazioni di prestito titoli, dato l'aggravarsi della crisi del debito sovrano della zona euro.

MARZO 2012 - Mps chiude il 2011 in rosso per 4,7 miliardi dopo svalutazioni per miliardi di euro su alcune operazioni tra cui quella su Antonveneta.

MAGGIO 2012 - La Guardia di finanza perquisisce le sedi della banca mentre la Procura di Siena indaga per verificare se Mps abbia fornito informazioni errate in merito all'acquisizione di Antonveneta.

GIUGNO 2012 - Mps chiede al Tesoro italiano di sottoscrivere fino ad altri 2 miliardi di euro di bond.

OTTOBRE 2012 - Gli azionisti approvano un aumento di capitale da 1 miliardo di euro senza diritto di opzione.

FEBBRAIO 2013 - Mps dichiara che le perdite derivanti da tre operazioni su derivati del 2006-09 ammontano a 730 milioni.

MARZO 2013 - Mps perde quasi 3,2 miliardi nel 2012 per gli effetti della crisi del debito sul portafoglio di titoli di Stato. I crediti deteriorati salgono del 30% sul 2011.

MARZO 2014 - Mps registra una perdita netta 2013 di 1,44 miliardi.

GIUGNO 2014 - Mps raccoglie 5 miliardi di euro in un aumento a forte sconto e rimborsa allo Stato 3,1 miliardi di euro.

OTTOBRE 2014 - Mps risulta la peggiore negli stress test europei con un deficit di capitale di 2,1 miliardi di euro.

OTTOBRE 2014 - L'ex presidente di Mps, l'ex Ceo e l'ex responsabile dell'area finanza sono condannati a tre anni e mezzo di reclusione per ostacolo all'autorità di vigilanza in relazione a operazioni sui derivati usate per occultare perdite crescenti.

NOVEMBRE 2014 - Mps prevede di raccogliere fino a 2,5 miliardi di euro a seguito dei risultati degli stress test.

GIUGNO 2015 - Mps raccoglie 3 miliardi dopo aver registrato una perdita netta di 5,3 miliardi per il 2014 a causa di svalutazioni record di crediti deteriorati. Rimborsa i restanti 1,1 miliardi di euro di obbligazioni sottoscritte dallo Stato.

LUGLIO 2016 - Mps annuncia una nuova ricapitalizzazione da 5 miliardi di euro e la cessione di 28 miliardi di euro di sofferenze in concomitanza con la pubblicazione dei risultati degli stress test bancari europei che mostrano che l'istituto di credito avrebbe un Cet1 negativo nello scenario avverso.

DICEMBRE 2016 - Mps chiede una ricapitalizzazione precauzionale dopo il fallimento dell'aumento. La Bce fissa il fabbisogno di capitale della banca a 8,8 miliardi di euro.

LUGLIO 2017 - Dopo che la Bce dichiara Mps solvibile, la Commissione Ue autorizza il salvataggio da 5,4 miliardi di euro da parte dello Stato in cambio di una quota del 68%. Gli investitori privati contribuiscono con 2,8 miliardi di euro per un totale di 8,2 miliardi.

FEBBRAIO 2019 - Mps torna in nero nel 2018 ma avverte che le sue proiezioni aggiornate sono al di sotto degli obiettivi di ristrutturazione concordati con le autorità europee.

OTTOBRE 2019 - Mps completa la più grande operazione di cartolarizzazione di crediti deteriorati in Europa, cedendo 24 miliardi di euro di sofferenze.

FEBBRAIO 2020 - Mps riporta una perdita di 1 miliardo di euro per il 2019.

MAGGIO 2020 - L'amministratore delegato Marco Morelli si dimette sollecitando Roma a trovare al più presto un partner per Mps. Viene sostituito da Guido Bastianini, sostenuto dai 5 Stelle.

AGOSTO 2020 - Il governo mette da parte 1,5 miliardi di euro per sostenere Mps e rispettare l'impegno con la Ue di dismettere la partecipazione entro l'approvazione del bilancio 2021.

OTTOBRE 2020 - Gli azionisti di Mps approvano il progetto Hydra, riducendo il peso dei deteriorati al 4,3% del totale, sotto la media di sistema grazie ad Amco. La quota dello Stato scende al 64% mentre un Dpcm elenca le modalità di dismissione.

OTTOBRE 2020 - Un tribunale di Milano condanna l'ex amministratore delegato e presidente di Mps per falso in bilancio con una decisione a sorpresa che costringe Mps ad aumentare gli accantonamenti per i rischi legali.

DICEMBRE 2020 - Mps annuncia di aver bisogno di 2,5 miliardi di euro di capitale.

DICEMBRE 2020 - Nella legge di bilancio si approvano incentivi fiscali alle fusioni che comportano un beneficio che Mps quantifica in 2,3 miliardi per un acquirente di maggiori dimensioni grazie alla conversione delle Dta in crediti fiscali.

GENNAIO 2021 - Mps annuncia che aprirà la data room ai potenziali partner.

FEBBRAIO 2021 - Mps registra una perdita di 1,69 miliardi per il 2020.

LUGLIO 2021 - UniCredit avvia trattative esclusive con il Tesoro italiano per comprare "un perimetro selezionato" di Mps, un giorno prima che i risultati dello stress test bancario europeo mostrino che il Monte vedrebbe il proprio capitale scomparire in uno scenario avverso.

OTTOBRE 2021 - Le trattative con UniCredit sfumano a causa dell'impossibilità di trovare un accordo sulla valutazione degli asset selezionati. Roma si trova costretta a chiedere all'Unione europea un'estensione del termine ultimo per la privatizzazione della banca.

FEBBRAIO 2022 - Il Cda decide il ritiro delle deleghe all'AD Guido Bastianini e la contestuale nomina di Luigi Lovaglio, noto per la sua esperienza di ristrutturazioni, come nuovo numero uno della banca. Il 2021 si chiude con un utile netto di 310 milioni di euro.

MAGGIO 2022 - La seconda sezione della Corte d'appello di Milano assolve tutti e 13 gli imputati del processo per i derivati, oltre a Deutsche Bank e Nomura. La Corte dispone anche la revoca della confisca di 64,9 milioni di euro alla banca tedesca e di 88 milioni di euro all'istituto giapponese.

(Redazione Milano, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli