Italia Markets closed

Ashley Madison presto quotata borsa: quando le corna sono un investimento

Ashley Madison

(KIKA) - CANADA - Le corna per qualcuno possono essere un diversivo, per altri la fine di una relazione, per altri ancora, un investimento che può rendere moltissimo. Tanto da essere quotato in borsa. È quanto avverrà presto per Ashley Madison, sito di incontri extraconiugali pronto a sbarcare sul mercato inglese, decisamente meno bigotto di quello americano o canadese, Paese di cui il sito è originario.

L'utente-tipo di Ashley Madison? Una persona sposata che non cerca altro se non un'avventura, che per l'86% degli utenti si concretizza in un incontro sessuale entro i primi tre caffé, mentre per il restante 14% dopo il primo caffé è già il caso di cercare un'altra possibile preda.

I numeri di Ashley Madison sono davvero da capogiro: 34 milioni di iscritti in 46 Paesi, che ne fanno un gruppo valutato un miliardo di dollari, con un aumento del 30 % tra 2013 e 2014, e del 400 % rispetto al 2009, e che dalla sua discesa in... borsa si aspetta un utile di 200 milioni di sterline. Contando, naturalmente, sulla voglia di trasgressione dei suoi utenti e, in senso lato, del genere umano.

Come dubitarne, visto che Ashley Madison non è che uno dei siti di incontri extraconiugali pubblicizzati in giro? L'americano Barry Diller, per esempio, è il maggiore azionista di Iac/Interactive Corp, holding quotata a Wall Street e leader sia del mercato dell'online dating legale sia di quello illecito, possedendo quote di Meetic e Tinder: il primo non consente di pubblicare foto esplicite né allusive, il secondo consente invece di combinare appuntamenti a sfondo sessuale in pochi istanti, per la gioia di 3 milioni e mezzo di abbonati paganti. Senza dimenticare Gleeden, il sito di appuntamenti online pensato per le donne, che si proponeva sui manifesti francesi come alternativa economica e più sana agli antidepressivi e così facendo ha fatto arrabbiare i cattolici francesi.

In questo campo, gli Italiani sembrano non riuscire a tenere il passo: pare che nel nostro Paese si sia ancora disposti a spendere per un incontro d'amore, mentre altrove la crisi ha fatto diventare tutti più cinici e parsimoniosi, e l'abbonamento a un'app costa decisamente meno di una cena in un buon ristorante, per arrivare allo stesso risultato...