Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    15.139,53
    +287,96 (+1,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Auto, seconda ondata Covid non causerà chiusura stabilimenti - Tiraboschi (Brembo)

di Giulio Piovaccari
·1 minuto per la lettura
Il vicepresidente esecutivo Matteo Tiraboschi davanti al logo Brembo presso la sede centrale dell'azienda a Bergamo
Il vicepresidente esecutivo Matteo Tiraboschi davanti al logo Brembo presso la sede centrale dell'azienda a Bergamo

di Giulio Piovaccari

MILANO (Reuters) - Il vicepresidente esecutivo di Brembo Matteo Tiraboschi ha detto di non prevedere una sospensione temporanea degli stabilimenti dei produttori automobilistici durante la seconda ondata di Covid-19.

Tiraboschi ha aggiunto che il settore è molto più preparato ora rispetto alla scorsa primavera, quando la prima ondata della pandemia di coronavirus si è diffusa a livello globale.

"Fummo colti di sorpresa e questo portò alla chiusura di molti impianti in Europa", ha detto a Reuters, dopo che Brembo ha presentato i risultati per il terzo trimestre.

"Adesso però le aziende sanno cosa devono fare, le misure di sicurezza per i lavoratori ci sono, quindi non vedo situazioni di chiusura di impianti", ha aggiunto.

A marzo e aprile diversi manifatturieri, tra cui Brembo, hanno sospeso temporaneamente le loro operazioni, citando timori sanitari così come disagi nella fornitura di componenti e un virtuale annichilimento della domanda di mercato.

Tiraboschi ha aggiunto che non si aspetta neanche che gli stabilimenti chiudano a causa di un calo della domanda legato alla seconda ondata della pandemia di Covid-19, affermando che i mercati negli Stati Uniti, in America Latina e in Cina sono in buone condizioni.

"Inoltre molti clienti, specie negli Usa, hanno significativamente ridotto gli stock e ora devono ricostruirli", ha detto.

Oggi Brembo, che produce freni per gruppi automobilistici del calibro di Ferrari e Tesla, oltre a diverse scuderie di Formula 1, ha riportato un Ebitda a 123,8 milioni di euro nel terzo trimestre, sostanzialmente invariato rispetto al periodo corrispondente nel 2019.

L'Ebitda margin è salito al 20,3%, dal 19,1% visto un anno fa.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)