Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    32.988,56
    +351,37 (+1,08%)
     
  • Nasdaq

    12.046,02
    +305,37 (+2,60%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    114,86
    +0,77 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    26.511,07
    -1.256,24 (-4,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    617,04
    -12,46 (-1,98%)
     
  • Oro

    1.856,30
    +2,40 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,0724
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    4.129,81
    +71,97 (+1,77%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8498
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0272
    -0,0015 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,3651
    -0,0050 (-0,37%)
     

Bitcoin e Cryptovalute in Correzione sulle Parole del Presidente della FED

·2 minuto per la lettura

Nella giornata di ieri il mercato delle crypto è stato caratterizzato da un incremento di volatilità, infatti il Bitcoin (BTC) si è mosso in un range giornaliero massimi – minimi di quasi 9 punti percentuali, andando a chiudere la giornata in rosso.

Questo incremento di volatilità nell’ultima parte della giornata è avvenuto in concomitanza alle dichiarazioni del Presidente della Fed, Jerome Powell, che ha detto: “è opportuno muoversi un po’ più rapidamente sulla stretta dei tassi”.

Queste parole hanno spaventato tutti i mercati, dall’azionario, obbligazionario ed anche delle cryptovalute, che come abbiamo ribadito più volte ha un’alta correlazione con gli indici azionari.

La correlazione con S&P500 è quasi sui massimi

Al momento la correlazione con l’indice S&P500 è ad uno dei livelli storici più alti e viaggia a 0,94 in passato ha toccato un massimo di 0,97.

Dal punto di vista tecnico, il prezzo ieri si è andato a fermare a 43000$ andando quasi a baciare il 50% del livello di Fibonacci dell’ultimo vettore rilevante, dato dai massimi a 48200$ ed i minimi recenti a 38500$.

Va ricordato che anche su Bitcoin, il trend primario in atto è ancora quello discendente, ed il rialzo che si è creato dai minimi di Gennaio fino ad inzio Aprile, era solo una leg up al suo interno.

Purtroppo questa leg up rialzista è entrata in crisi già dall’11 Aprile con la prima rottura del 50% di Fibonacci del vettore minimi di Gennaio a 33000$ – massimi a 48200$. Come detto più volte la rottura di questo livello del 50% apre con alte probabilità la possibilità a nuove discese.

Il supporto da non perdere è a 39000$

Allo stato attuale l’area fondamentale che non va persa è quella tra 40300 e 39000$ dove il prezzo si sta appoggiando alla stesura di questo articolo. I supporti successivi sono a 37500 e poi i minimi di Gennaio.

A livello ciclico dando uno sguardo su grafico 1H, ieri eravamo in perfetto punto B di una finestra di vendita, ed infatti il prezzo come abbiamo visto ha risposto perfettamente al tempo scendendo, peccato non abbia preso il livello per lo short a 43300/500.

La prossima finestra di acquisto in punto A sia aprirà a cavallo tra il 24 e 25 Aprile, ricordo che di base c’è sempre una tolleranza temporale sui cicli del 10%.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli