Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.306,45
    -1.628,29 (-5,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Borsa Milano debole ma meglio d'Europa, tengono banche, giù Technogym

·2 minuto per la lettura
L'ingresso principale della Borsa di Milano

MILANO, 19 maggio (Reuters) - Avvio decisamente debole a Piazza Affari e sui mercati europei, che risentono del ribasso di Wall Street e delle borse asiatiche. A tenere banco sempre i timori legati a una ripresa dell'inflazione che allontana gli investitori dagli asset ritenuti più vulnerabili al venire meno degli stimoli monetari.

Deboli anche i futures Usa che indicano un avvio in calo per gli indici di Wall Street nel pomeriggio.

Attese in serata le minute della Fed: le aspettative sono che l'istituto centrale Usa ribadisca il concetto che il rialzo dell'inflazione è transitorio e che pertanto non intende apportare modifiche alla propria politica monetaria nel breve periodo.

Torna a salire il differenziale di rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi, poco sotto i 118 punti base.

"Partenza negativa, ma Milano va meglio rispetto al resto d'Europa grazie al settore bancario", osserva un trader.

Tra i titoli in evidenza:

Contrastate le banche. Deboli le big UNICREDIT (-0,4%) e INTESA SANPAOLO (-0,33%), più toniche BANCO BPM in salita dell'1% e BPER a +0,3% sul fermento M&A. Oggi un quotidiano scrive che nell'ultimo Cda il Ceo di Banco Bpm Giuseppe Castagna avrebbe aggiornato il board sul tema M&A presentando una fusione con Bper Banca non solo come l'obiettivo principale ma anche come un target ormai alla portata.

Positiva anche MPS (+0,3%), protagonista al rialzo in particolare ieri dopo l'apertura dell'AD di Mediocredito Centrale, Bernardo Mattarella, a partecipare a un eventuale processo di acquisizione di una parte della banca. Il Corriere della Sera scrive che il Tesoro vorrebbe arrivare a impostare un'operazione M&A per la banca prima dei risultati degli stress test, attesi entro fine luglio. "Tornano le voci di risiko e il mercato scommette", sottolinea un trader.

Poco mossa MEDIOBANCA dopo l'ufficializzazione che Leonardo Del Vecchio ha ulteriormente aumentato la sua partecipazione nella banca salendo al 15,402%.

Molto debole STM, in flessione dell'1,4%, che risente dell'andamento negativo del Nasdaq ieri.

Fuori dal paniere TECHNOGYM cede l'8,4% con il titolo che si allinea al prezzo di cessione del 5,96% da parte di Tgh, società che fa capo a Nerio Alessandri, a 10,81 euro. Un primario broker italiano si aspetta una decisa debolezza del titolo nel brevissimo periodo.

In forte calo anche IT WAY (-5,2%) e TISCALI (-4,1%).

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)