Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.309,58
    +267,99 (+1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    334,67
    -2,83 (-0,84%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1965
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8987
    +0,0071 (+0,80%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5526
    +0,0025 (+0,16%)
     

Borsa Milano in forte calo, su minimi cinque mesi, pesano timori lockdown

·2 minuto per la lettura
L'edificio della Borsa di Milano nel centro di Milano
L'edificio della Borsa di Milano nel centro di Milano

MILANO, 28 ottobre (Reuters) - Avvio molto pesante a Piazza Affari, e più in generale sui mercati europei, affossati dal balzo dei contagi da coronavirus negli Usa e in Europa, con i timori di nuovi lockdown in vista per tentare di arginare il dilagare delle infezioni. Sui mercati pesa anche l'incertezza legata all'esito delle imminenti elezioni presidenziali americane martedì prossimo.

In forte calo anche i futures sulle borse Usa, che indicano un avvio negativo per i mercati americani nel pomeriggio.

Il Ftse Mib si è portato a ridosso della soglia tecnica di 18.000 punti, tornando sui livelli di fine maggio scorso.

"Sulla borsa c'è il classico effetto da book vuoti che amplifica il ribasso. I timori per l'economia a causa dell'epidemia spingono a vendere. Ci sono tante incertezze e non ci sono compratori in giro oggi", osserva un trader.

Giu' anche il prezzo del Brent, sceso poco sopra i 40 dollari al barile proprio a causa del crollo dei consumi a seguito della pandemia.

Sul fronte dello spread fra il rendimento dei titoli di stato decennali italiani e tedeschi la forbice si muove al rialzo intorno ai 137 punti base.

Non ci sono comparti indenni dall'ondata di vendite.

Forte ribasso per i bancari. Le big INTESA SANPAOLO e UNICREDIT, in calo fra il 4 e il 4,3%. BANCO BPM arretra del 3,9%. Male anche le piccole dopo il balzo di ieri, come CREVAL (-4,9%) e POP SONDRIO (-3,9%). Pesante anche MEDIOBANCA che arretra del 4,5%.

Affonda SAIPEM con un calo intorno al 5,5% dopo i risultati dei nove mesi chiusi in rosso di 1,02 miliardi di euro rispetto all'utile di 44 milioni dello stesso periodo 2019, in uno scenario ancora influenzato dalla pandemia di coronavirus. I risultati del terzo trimestre sono sotto le attese relativamente alla perdita netta e all'Ebitda adj, secondo il broker jefferies.

ATLANTIA cede il 3,2%. Stamani Cdp ha dato l'ok all'offerta dettagliata, con conferma della forchetta di prezzo per l'acquisizione dell'88,06% di Autostrade per l'Italia detenuto da Atlantia.

Crollano gli industriali, con FCA in flessione del 5,3% nel giorno della pubblicazione dei risultati, LEONARDO, finita anche in asta di volatilità per eccesso di ribasso, cede circa il 6%.