Italia markets close in 4 hours 7 minutes
  • FTSE MIB

    25.422,14
    +70,54 (+0,28%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,53
    +0,27 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    32.548,97
    -961,74 (-2,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    940,56
    -20,33 (-2,12%)
     
  • Oro

    1.812,20
    -10,00 (-0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,1895
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.124,58
    +7,96 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8532
    -0,0019 (-0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0730
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4863
    +0,0021 (+0,14%)
     

Borsa Milano, Ftse Mib poco sotto parità, recupera Stellantis, giù Telecom

·2 minuto per la lettura
Una donna con una mascherina davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 6 luglio (Reuters) - A metà seduta Piazza Affari si mantiene poco sotto la parità, in sintonia con le principali borse europee, sulla scia dei mercati asiatici e del calo inaspettato degli ordini industriali tedeschi.

Tuttavia l'azionario europeo trova supporto nel balzo dei titoli petroliferi, sostenuto dai prezzi del greggio ai massimi dal 2018, che controbilanciano la debolezza dei titoli bancari e degli automotive.

Occhi puntati sull'apertura di Wall Street dopo il weekend lungo, con i futures sugli indici americano che indicano un avvio di seduta intorno alla parità.

Tra i titoli in evidenza:

Saipem ha ridotto i guadagni iniziali e sale dell'1% a metà seduta, in sintonia con il settore oil&gas che si mantiene positivo ma con meno slancio rispetto a questa mattina. Positiva anche ENI, mentre TENARIS è passata in negativo.

Restano deboli i titoli finanziari, con l'indice delle banche italiane che segna -1,2%. In fondo al listino Mediobanca, Banco Bpm, Bper e Unicredit con perdite superiori all'1%.

Stellantis è passata in territorio positivo e a metà seduta guadagna quasi l'1%, in controtendenza con un settore automotive negativo in Europa (-1,2%).

Peggiora nel corso della mattinata Telecom Italia (-1,87%). Il gruppo ha annunciato di aver affidato la funzione 'chief revenue office' a Stefano Siragusa, quella di 'chief technology & operation office' a Nicola Grassi e la funzione 'procurement' a Paolo Chiriotti. Gli analisti di Equita segnalano anche le indiscrezioni circa un ritardo nel closing dell'operazione Open Fiber.

Amplifon inverte rotta e cede lo 0,47%. Il gruppo ha annunciato una nuova joint venture con un partner locale in Cina, che permetterà di estendere la presenza del gruppo nell'area del Zhejiang e nel sud-est del paese asiatico.

Ovs guadagna l'1,8%. La società ha annunciato i termini del previsto aumento di capitale fino a 80 milioni di euro.

Sicit in rialzo del 3% circa, si allinea al nuovo prezzo dell'Opa annunciato da Circular Bidco a 16,8 euro da 15,45 euro. L'offerta è prorogata fino al 9 luglio.

Seco in rialzo dell'1,4% dopo aver pubblicato i dati di ricavi e backlog del secondo trimestre e migliorato la guidance su ricavi e proventi operativi per il 2021 portandola in un range tra 97 e 102 milioni di euro.

La matricola sull'Aim Id-Entity segna +50% nel giorno del debutto. Esordio a +24% per Spindox.

(Elisa Anzolin, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli