Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.565,41
    -317,06 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.725,47
    +564,69 (+1,65%)
     
  • Nasdaq

    13.770,57
    +417,79 (+3,13%)
     
  • Nikkei 225

    26.717,34
    +547,04 (+2,09%)
     
  • Petrolio

    87,29
    +0,68 (+0,79%)
     
  • BTC-EUR

    33.926,81
    +1.079,46 (+3,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    863,83
    +21,37 (+2,54%)
     
  • Oro

    1.792,30
    -2,70 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1152
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.431,85
    +105,34 (+2,43%)
     
  • HANG SENG

    23.550,08
    -256,92 (-1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.136,91
    -48,06 (-1,15%)
     
  • EUR/GBP

    0,8320
    -0,0008 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0375
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4232
    +0,0044 (+0,31%)
     

Borsa Milano positiva in avvio con Europa, bene auto, oil

·1 minuto per la lettura
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio positivo per Piazza Affari e per le altre borse europee dopo il buon andamento dei mercati asiatici, anche se i timori sulla diffusione della variante Omicron che hanno innescato ieri le vendite in Europa e negli Usa rimangono ben presenti agli investitori.

Anche il morale dei consumatori tedeschi peggiora per le preoccupazioni legate all'impatto della nuova variante di coronavirus, proiettando un'ombra sull'outlook della maggiore economia europea.

La partenza europea resta comunque improntata a un rimbalzo, con gli investitori attenti al momento migliore per chiudere le posizioni con l'avvicinarsi della fine dell'anno.

Intorno alle 9,30 l'indice FTSE Mib sale di 0,7%.

Tra i titoli in evidenza:

Vivace Stm, che sale di quasi il 2% in scia al rimbalzo del settore chip in Asia.

Bene anche l'automotive e il comparto energetico dopo la debolezza della vigilia. Cnh sale del 2%, Stellantis +1,3%, mentre Eni avanza di 1,7%.

Segno più per il lusso dopo le diffuse vendite di ieri, mentre i realizzi colpiscono Ferragamo, ieri in controtendenza.

Partono bene le banche ma poi smorzano l'entusiasmo. Intesa SP sale di 0,2%, UniCredit di 0,8%, Carige, che era partita con un balzo di oltre 3%, torna a un più modesto +0,4% mentre la pretendente BPER sale di 0,7%.

Anche lo sprint iniziale di FIncantieri, che punta a due controllate di Leonardo (+0,2%), si spegne in fretta (+0,2%). Secondo il Sole 24, la vendita di Oto Melara e Wass slitterà probabilmente a febbraio 2022 dopo che alla scadenza odierna per la presentazione di offerte vincolanti a Rotschild, advisor di Leonardo, nessuno avanzerà proposte.

(Claudia Cristoferi, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli