Italia markets open in 7 hours 51 minutes
  • Dow Jones

    34.156,69
    +265,67 (+0,78%)
     
  • Nasdaq

    12.113,79
    +226,34 (+1,90%)
     
  • Nikkei 225

    27.685,47
    0,00 (0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,0735
    +0,0005 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    21.651,31
    +269,12 (+1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    534,56
    +8,61 (+1,64%)
     
  • HANG SENG

    21.298,70
    +76,54 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.164,00
    +52,92 (+1,29%)
     

Borsa Milano in rialzo con auto e banche, conferma tono positivo di inizio anno

Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - A Piazza Affari la seconda seduta del nuovo anno prosegue all'insegna dell'ottimismo, diffuso anche alle altre borse europee.

A confermare il tono positivo della vigilia sono stati i primi dati sull'inflazione tedesca relativi ad alcuni stati chiave che, mostrando una decisa flessione rispetto al mese precedente, indicano un rapido raffreddamento della pressione sui prezzi nella prima economia europea.

L'attesa è ora per il dato complessivo che verrà diffuso alle 14 e che dovrebbe confermare il rallentamento del ritmo in vista dell'analogo dato europeo che verrà reso noto venerdì.

Sempre in Germania, il fronte macro ha inoltre mostrato un calo della disoccupazione a dicembre e, nell'indagine Ifo, una attenuazione dei problemi sulla carenza di materiali nel settore manifatturiero verso fine anno.

Segnali positivi giungono anche dai rialzi dei futures sugli indici di Wall Street, alla riapertura dopo la chiusura di ieri per festività.

Intorno alle 13,00 il FTSE Mib è in rialzo dell'1%. Volumi intorno a 870 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Si conferma la buona intonazione, in linea con il comparto europeo, dei titoli automotive. Pirelli è in testa al FTSE Mib con un rialzo del 3,9%, mentre Stellantis avanza dell'1,3% dopo che i dati sulle immatricolazioni in Italia, diffusi ieri a mercato chiuso, hanno evidenziato un proseguimento del trend di rimbalzo, dopo una prima parte del 2022 in forte calo. Con una crescita del 3% circa Stellantis ha sottoperformato il mercato a dicembre, cresciuto del 21%, ma questi numeri, sottolinea Equita, "non compromettono il rispetto della guidance per l'intero 2022".

Banche in evidenza anche oggi. In luce Unicredit in salita del 2,6% mentre in un'intervista al Sole 24 Ore di oggi, il presidente Pier Carlo Padoan evidenzia la scelta strategica dell'istituto di tornare a puntare sull'Italia, pur continuando ad operare in un contesto europeo. Banco Bpm sale dell'1,8% e Intesa Sanpaolo dell'1,6%.

In controtendenza Mps cede l'1,5%. Le prese di profitto, dopo i forti guadagni di ieri, prevalgono rispetto al ritorno di indiscrezioni stampa sull'ipotesi di cessione di un ramo d'azienda contenente da 500 a 800 filiali e che, come commenta Intesa Sanpaolo "potrebbe facilitare l'integrazione in un gruppo bancario e la creazione di un terzo polo, come recentemente indicato dalla premier Giorgia Meloni".

Azzera gli iniziali guadagni il settore Oil, volatile, con prezzi del greggio che perdono terreno a causa dei deboli dati sulla domanda provenienti dalla Cina. Eni verso la parità nonostante l'upgrade di Bernstein a 'Outperform' da 'Market Perform' con un target price rivisto a 20 da 18,5 euro.

Fuori dal FTSE Mib, rallenta rispetto agli iniziali rialzi anche Recordati (+0,5%) promossa a 'Overweight" da 'Neutral' da Jp Morgan.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)