Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.798,77
    -200,27 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    12.728,08
    -237,26 (-1,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,47
    +0,97 (+1,07%)
     
  • BTC-EUR

    21.484,94
    -1.903,46 (-8,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    513,25
    -28,35 (-5,23%)
     
  • Oro

    1.763,30
    -7,90 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0041
    -0,0051 (-0,50%)
     
  • S&P 500

    4.238,01
    -45,73 (-1,07%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8490
    +0,0036 (+0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9628
    -0,0021 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,3033
    -0,0027 (-0,21%)
     

Borsa Milano, sale su trimestrali, attesa WS, forti Unicredit, Nexi, giù Fincantieri

Una donna davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Indici positivi a Piazza Affari trainati dalle trimestrali, in attesa di conoscere le decisioni della Fed in serata.

A conclusione della due giorni di politica monetaria, il Fomc dovrebbe varare un altro rialzo da 75 punti base dopo quello di giugno.

A livello globale a sostenere i mercati oggi anche le attese di un avvio positivo a Wall Street sulla scia dei risultati sopra le attese di Microsoft e Google.

"I mercati sono spinti dalle trimestrali", osserva un trader.

Intorno alle 12,50 l'indice FTSE Mib cresce dello 0,76%. Volumi pari a 650 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

Bancari sottotono se non fosse per il balzo di Unicredit (+6,3%) dopo i risultati del secondo trimestre sopra le attese e con un miglioramento della guidance per l'anno in corso. "Unicredit ha riportato molto bene, sia sui ricavi che sul costo del rischio e speriamo che sia di buon auspicio anche per le altre banche", sottolinea un trader.

Poco mossi Intesa Sp, Bper e Banco Bpm cresce del 2%.

Nel settore oil Saipem guadagna l'1,5%, in rallentamento dai massimi di avvio, dopo i risultati del semestre che vedono una contrazione della perdita netta e la conferma degli obiettivi per l'anno. "Il set di risultati ha risvolti positivi per il titolo in quanto migliori delle attese e coerenti con il progressivo miglioramento delineato nel piano industriale", scrive Equita nel daily.

Sul versante opposto Fincantieri è in flessione del 6,2%, ma il titolo è arrivato a perdere anche il 13% post risultati del semestre con il mercato che non ha apprezzato in particolare il dato sull'indebitamento netto, e ci sono timori di un aumento di capitale. Sempre Equita scrive che "preliminarmente, ci aspettiamo una revisione mid-to-high single digit dell'Ebitda 2023-24 atteso. La nostra preoccupazione rimane sulla sostenibilità della struttura finanziaria".

Spunti su Nexi che balza del 7,7% in attesa dei risultati in settimana. Da inizio anno il titolo è in perdita di oltre il 37%.

Trascurata Generali in flessione dell'1%, che risente della decisione di Jp Morgan di tagliare il giudizio a "Neutral" da "Overweight" e il prezzo obiettivo a 17 euro da 23,50 euro precedente.

Realizzi sulle utility, deboli anche in Europa con Terna e Snam in calo rispettivamente dello 0,8% e dell'1,3%. Fa peggio Italgas che arretra dell'1,9%.

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei, Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli