Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.219,66
    -831,05 (-1,60%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Borsa Shanghai, Blue chip in ribasso su calo healthcare, beni di consumo

·1 minuto per la lettura
Due uomini all'interno della Borsa di Shanghai

SHANGHAI (Reuters) - La borsa di Shanghai ha perso terreno, zavorrata dai settori healthcare e dei beni di consumo, mentre i solidi dati economici hanno alimentato i timori di una politica monetaria più restrittiva.

L'indice blue-chip CSI300 ha ceduto lo 0,4% a 5.140,34, mentre l'indice Shanghai Composite ha chiuso invariato a 3.482,97.

L'indice CSI300 è rimbalzato quasi del 6% dai recenti minimi visti il 25 marzo, mentre l'SSEC ha guadagnato oltre il 4% nello stesso periodo.

Il settore healthcare e quello dei beni di consumo voluttuari hanno perso rispettivamente l'1,7% e l'1,6%, tra i peggiori della sessione.

I recenti dati economici cinesi sono stati solidi, ma gli analisti hanno segnalato che ciò potrebbe condurre a timori d'inflazione e di una polica monetaria più restrittiva.

La ripresa nel settore dei servizi cinese è accelerata a marzo, con le nuove assunzioni e l'ottimismo delle imprese in rialzo, nonostante le persistenti pressioni inflazionistiche.

Il Pmi Caixin/Markit sui servizi è avanzato a 54,3, ai massimi da dicembre, e ben al di sopra della soglia dei 50 punti, che separa una crescita da una contrazione su base mensile.

Se i dati cinesi sull'inflazione e sulla crescita del Pil, previsti più tardi ad aprile, supereranno le aspettative, torneranno i timori di una politica più restrittiva, si legge in una nota di Huaan Securities.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro)