Italia markets close in 3 hours 9 minutes
  • FTSE MIB

    22.698,35
    -287,35 (-1,25%)
     
  • Dow Jones

    33.999,04
    +18,72 (+0,06%)
     
  • Nasdaq

    12.965,34
    +27,22 (+0,21%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,81 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    88,90
    -1,60 (-1,77%)
     
  • BTC-EUR

    21.323,38
    -2.218,23 (-9,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    508,61
    -49,12 (-8,81%)
     
  • Oro

    1.764,50
    -6,70 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,0058
    -0,0033 (-0,33%)
     
  • S&P 500

    4.283,74
    +9,70 (+0,23%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.755,61
    -21,77 (-0,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8498
    +0,0044 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    0,9617
    -0,0032 (-0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,3057
    -0,0004 (-0,03%)
     

Borsa Usa, inizio zoppicante di secondo semestre, cali su timori crescita

Un cartello stradale di Wall Street a New York

(Reuters) - Wall Street inizia con segno negativo la seconda metà dell'anno, mentre gli investitori sono preoccupati per i rischi per la crescita economica derivanti dalla volontà della Federal Reserve di frenare a tutti i costi l'aumento dei prezzi.

Con la fine dell'era delle politiche monetarie espansive e l'inizio di un ciclo di rialzi dei tassi di interesse, gli investitori hanno venduto per gran parte dell'anno i titoli azionari, spingendo l'S&P 500 al peggior primo semestre dal 1970.

Oggi si è avuta un'ulteriore prova che l'aumento dei tassi di interesse sta danneggiando la domanda negli Usa, con i nuovi ordini che si sono ridotti per la prima volta in due anni e l'attività manifatturiera che ha rallentato più del previsto a giugno.

Malgrado i segnali di rallentamento della crescita, i banchieri centrali della Fed si sono espressi a favore di un secondo aumento dei tassi di interesse di 75 punti base a luglio, lasciando gli investitori a valutare il potenziale impatto sugli utili aziendali.

Con la seduta precedente, tutti e tre gli indici hanno registrato il secondo calo trimestrale consecutivo. Il Dow Jones ha registrato il più grande crollo percentuale del primo semestre dal 1962, mentre per il Nasdaq, si è trattato del peggior semestre di sempre.

La seduta di oggi ha comunque visto guadagnare i titoli a grande capitalizzazione come AMAZON.COM e TESLA, che hanno offerto sostegno all'S&P 500 e al Nasdaq.

Alle 17,01 il Dow Jones Industrial Average perde lo 0,82%, a 30.775,83, l'S&P 500 cede lo 0,56%, a 3.764,87, e il Nasdaq Composite scivola di 0,57%, a 11.970,33.

La produttrice di chip Micron Technology perde il 5,89% dopo aver annunciato una previsione di ricavi per il trimestre in corso inferiori alle aspettative del mercato, accendendo i timori di un ciclo negativo nel settore dei chip.

L'indice più ampio Philadelphia SE Semiconductor fa registrare una secca perdita, pari a 4,19%.

Meta Platform perde il 3,73%. L'azienda ha tagliato i piani di assunzione di ingegneri di almeno il 30% quest'anno, ha reso noto l'amministratore delegato Mark Zuckerberg ai dipendenti, avvertendoli di prepararsi a una profonda recessione economica.

Kohl's Corp crolla del 22,19% in quanto la catena di grandi magazzini ha annullato la vendita a Franchise Group proprietario di Vitamin Shoppe, citando come causa un peggioramento delle condizioni di mercato.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli