Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.040,04
    +448,77 (+1,52%)
     
  • Nasdaq

    12.041,32
    +160,69 (+1,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1884
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • BTC-EUR

    16.138,31
    +557,18 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,79
    +10,04 (+2,72%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • S&P 500

    3.635,76
    +58,17 (+1,63%)
     

Borsa Usa in rialzo su firma ordini anti-crisi; focus su ulteriori stimoli

·2 minuto per la lettura
La facciata principale della sede della Borsa di New York a New York City
La facciata principale della sede della Borsa di New York a New York City

(Reuters) - Gli indici di Wall Street hanno aperto in leggero rialzo dopo che il presidente Donald Trump ha firmato alcuni ordini esecutivi nel fine settimana per sostenere l'economia del Paese sfibrata dalla pandemia fino all'approvazione di nuovi stimoli più concreti.

L'S&P 500 è circa un punto percentuale al di sotto del massimo record, mentre il Nasdaq è al di sotto del massimo storico dopo una serie di nuovi picchi toccati la scorsa settimana.

Gli ordini di Trump, che hanno in parte ripristinato i sussidi di disoccupazione incrementati, sono arrivati dopo che i colloqui su ulteriori misure di stimolo tra la Casa Bianca e i vertici del partito democratico al Congresso si sono interrotti.

Dopo il forte rally trainato dal settore tecnologico negli ultimi mesi, "per me a questo punto è lo stimolo statunitense il catalizzatore per i mercati", ha detto Tim Chubb, chief investment officer di Girard a West Chester, Pennsylvania.

Alle 16,30 circa, il Dow Jones Industrial Average è in rialzo dello 0,93%, a 27.689,76, toccando il massimo infragiornaliero dal 25 febbraio. L'S&P 500 avanza dello 0,22%, a 3,358,79. Il Nasdaq Composite perde lo 0,42%, a 10.964,51, ritracciando dai guadagni iniziali.

Sette degli 11 principali settori dell'S&P guadagnano terreno, con l'energia che registra la performance migliore. Il settore 'health', l'immobiliare e le utilities sottoperformano.

Tra i singoli titoli, Eastman Kodak crolla del 26,2% dopo che l'accordo di finanziamento da 765 milioni di dollari con il governo degli Stati Uniti per la produzione di ingredienti farmaceutici è stato sospeso a causa di "recenti accuse di illeciti". Il trading sul titolo è stato interrotto brevemente a causa della volatilità.

Il principale proprietario di centri commerciali negli Usa, Simon Property Group, scambia in rialzo del 6,4% dopo indiscrezioni secondo cui sarebbe in trattative con Amazon.com per trasformare alcuni dei suoi siti commerciali in centri logistici Amazon.

Berkshire Hathaway guadagna l'1,33% dopo un aumento dell'87% dell'utile netto del secondo trimestre.