Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,90 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,23 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,07 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    28.320,17
    +225,07 (+0,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0553
    -0,0035 (-0,33%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,54 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8468
    -0,0013 (-0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,0304
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,3549
    -0,0019 (-0,14%)
     

Borse Europa in calo, dati Cina peggiorano prospettive crescita

Diversi membri della polizia e delle forze dell'ordine in tute protettive a Shanghai

(Reuters) - L'azionario europeo è in calo tra scambi sottili, penalizzato da colossi come Mercedes-Benz che scambiano ex-dividendo e da dati chiave sulla Cina che alimentano le speculazioni di mercato relative a un marcato rallentamento della seconda economia mondiale.

L'indice paneuropeo STOXX 600 cede l'1,3% e si avvia a interrompere la serie positiva delle ultime tre sedute, sebbene i volumi di trading siano ridotti a causa della chiusura per festività della Gran Bretagna.

Lo stacco dei dividendi pesano fortemente sullo STOXX 600, con i produttori auto come Mercedes-Benz, l'azienda dell'healthcare Bayer, il produttore di componenti auto Continental e il gruppo chimico Basf che perdono attrattiva.

I dati pubblicati lo scorso weekend mostrano che l'attività manifatturiera in Cina si è contratta più di quanto si temesse ad aprile, a causa dei diffusi lockdown per il coronavirus che hanno interrotto la produzione industriale e causato problemi alle catene di approvvigionamento.

In generale, le rigide restrizioni anti-Covid, il conflitto in Ucraina e l'atteso aggressivo inasprimento della politica monetaria negli Stati Uniti hanno alimentato i timori di un forte rallentamento dell'economia globale, spingendo lo Stoxx 600 in calo dell'8,5% dall'inizio dell'anno.

Tra i singoli titoli, il produttore di turbine eoliche Vestas crolla del 6,9% dopo aver abbassato le previsioni di Ebit margin a causa del conflitto in Ucraina e di svalutazioni nelle attività offshore.

Adler Group, gruppo immobiliare tedesco, crolla del 44,7% a minimi record dopo aver annunciato che tutti i componenti del board si sono offerti di lasciare l'incarico dopo che un auditor non ha voluto fornire un'opinione in merito al bilancio dell'azienda.

(Tradotto da Michela Piersimoni, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli