Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.710,81
    -288,23 (-0,85%)
     
  • Nasdaq

    12.699,25
    -266,09 (-2,05%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    90,35
    -0,15 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    21.340,90
    -2.062,82 (-8,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    508,85
    -32,75 (-6,05%)
     
  • Oro

    1.763,20
    -8,00 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0039
    -0,0053 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    4.228,43
    -55,31 (-1,29%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8493
    +0,0040 (+0,47%)
     
  • EUR/CHF

    0,9624
    -0,0025 (-0,26%)
     
  • EUR/CAD

    1,3042
    -0,0019 (-0,15%)
     

Borse Europa poco mosse dopo dati tedeschi deboli, trimestrali deludenti

Panoramica dello skyline di Francoforte

(Reuters) - Le borse europee sono poco mosse, mentre il morale delle imprese tedesche è sceso più del previsto a luglio e una serie di risultati trimestrali negativi hanno evidenziato le crescenti preoccupazioni per la crescita economica.

L'indice paneuropeo STOXX 600 è quasi piatto, dopo aver registrato venerdì il miglior guadagno settimanale in due mesi. In rosso il settore energetico, con i prezzi del greggio in ribasso a causa dei timori per la domanda.

L'istituto tedesco Ifo ha mostrato che gli elevati prezzi dell'energia e la minaccia di carenza di gas hanno pesato sul sentiment delle imprese della prima economia europea nel mese di luglio.

Gli investitori prevedono che la Federal Reserve statunitense aumenterà i tassi di interesse di altri 75 punti base mercoledì alla fine della due giorni di politica monetaria.

La decisione seguirebbe il rialzo di 50 punti base, più consistente del previsto, della Banca centrale europea la scorsa settimana.

Il comparto bancario, che beneficia di un contesto di alti tassi d'interesse, è l'unico settore ciclico in rialzo e sostiene gli indici principali ricchi di titoli bancari di Spagna e Italia.

Volkswagen cede il 2,7% dopo che il Ceo Herbert Diess è stato costretto a dimettersi dal suo mandato quadriennale.

Philips crolla del 10,2% a causa di un calo peggiore del previsto degli utili del secondo trimestre a causa dei problemi delle forniture e dei lockdown in Cina.

Almirall SA scivola del 3,7% dopo aver mancato le attese sull'Ebitda.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli