Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.916,75
    +155,70 (+0,46%)
     
  • Nasdaq

    13.139,77
    +92,58 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,27
    -2,82 (-3,06%)
     
  • BTC-EUR

    23.730,08
    -384,08 (-1,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    571,76
    -19,00 (-3,22%)
     
  • Oro

    1.794,60
    -20,90 (-1,15%)
     
  • EUR/USD

    1,0163
    -0,0095 (-0,92%)
     
  • S&P 500

    4.299,08
    +18,93 (+0,44%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8426
    -0,0030 (-0,36%)
     
  • EUR/CHF

    0,9617
    -0,0037 (-0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,3112
    +0,0011 (+0,08%)
     

Borse Europa, ribasso di oltre 2% su timori variante Omicron

·1 minuto per la lettura
Il logo Bce a Francoforte, in Germania

(Reuters) - Le borse europee perdono oltre il 2%, con le vendite che colpiscono l'azionario a livello sullo spettro di restrizioni più severe per far fronte alla pandemia legate all'impennata di casi della variante Omicron del Covid-19.

Alle 10,00 l'indice STOXX 600 perde il 2,2% sui minimi di due settimane.

A guidare le perdite i titoli minerari e quelli legati a viaggi e tempo libero, con ribassi vicini al 3%, ma tutti i sottoindici principali sono in territorio negativo.

L'Olanda ha introdotto un nuovo lockdown domenica, mentre la prospettiva di nuove restrizioni in vista delle festività natalizie e di capodanno si fa più concreta in molti paesi europei a causa della rapida diffusione della variante Omicron.

Nel frattempo i futures sull'S&P 500 americano cedono l'1,5% dopo che il senatore Usa Joe Manchin, democratico moderato e perno delle speranze del presidente Joe Biden di ottenere l'approvazione del piano di investimenti da 1.750 miliardi di dollari, ha annunciato ieri che non supporterà la proposta di legge.

Goldman Sachs ha tagliato le previsioni relative alla crescita del Pil reale statunitense per il primo trimestre del 2022 al 2% dal precedente 3% e ridotto marginalmente le previsioni per il secondo e terzo trimestre.

La casa farmaceutica danese Novo Nordisk crolla dell'11,1% dopo aver annunciato che non sarà in grado di soddisfare la domanda per il suo nuovo farmaco contro l'obesità a causa di problemi per gli approvvigionamenti negli Stati Uniti.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli