Italia markets open in 6 hours 40 minutes
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,63 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,95 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    29.589,49
    +623,48 (+2,15%)
     
  • EUR/USD

    1,2092
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    38.208,12
    -396,05 (-1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    923,89
    -9,25 (-0,99%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    0,00 (0,00%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     

Cambio EUR/USD in Calo: la Ripresa Economica dell’UE Appare Ancora Lontana

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD si è mosso ancora in netto ribasso nella giornata di ieri, fermandosi nella serata intorno a quota 1,2070.

L’euro si è mostrato sotto pressione nelle ultime ore prevalentemente a causa dei forti divari che continuano ad alimentarsi quotidianamente tra la ripresa dell’economia statunitense ed europea e tra le campagne di vaccinazioni, che in Unione Europea continuano ad andare a rilento, rispetto alle prospettive iniziali.

Anche gli ultimi dati sulle vendite al dettaglio tedesche, sicuramente le più rilevanti dell’Eurozona, hanno suggerito agli investitori che la ripresa europea sarà tutt’altro che rapida.

Alle ore 08:40, il cambio EUR/USD si muove a quota 1,2073, sostanzialmente stabile rispetto a ieri sera.

Un movimento sotto quota 1,2054 potrebbe scatenare un nuovo ribasso, aprendo la strada ad elevati volumi di vendita per la moneta unica, quantomeno fino al raggiungimento di quota 1,2025 e anche fino a 1,20.

Difficilmente il prezzo riuscirà invece a portarsi fin sotto questa fascia di supporto.

Al contrario, un rialzo sopra 1,2074 indica una ripresa del cambio EUR/USD, con un possibile rally fino a quota 1,21 e poi anche verso 1,22.

A causa della debolezza dell’euro (che rappresenta l’elemento fondamentale del paniere) l’indice del dollaro statunitense si è portato fino a 90,95 punti e il trend è ancora rialzista, avendo superato i massimi dal 19 Gennaio.

Un nuovo rialzo sopra il livello critico appena raggiunto potrebbe spingere agevolmente l’indice del dollaro statunitense sopra i 91 punti già nelle prossime ore.

Gli appuntamenti principali da monitorare per il cambio EUR/USD

Nel corso della giornata di oggi, l’attenzione sarà prevalentemente concentrata, per la moneta unica, sul PIL dell’Eurozona e sull’indice dei prezzi al consumo.

Nella giornata di domani, invece, le previsioni della BCE sulla crescita post-Coronavirus potranno sostenere o indebolire ulteriormente l’euro.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: