Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    50.625,71
    -1.291,13 (-2,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Cambio EUR/USD: l’Inversione è Possibile Sopra 1,18?

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD si ritrova alle ore 10:00 di stamattina in ancor più netto calo, a 1,1785. L’indice del dollaro statunitense resta invece pressoché stabile a quota 92,75 punti. Questa mattina, il dollaro statunitense ha però iniziato a perdere terreno contro alcune divise e l’euro potrebbe forse sfruttare questa lieve debolezza per una chiusura settimanale in grado di ispirare un nuovo ottimismo nei mercati.

Se, infatti, l’indice del dollaro statunitense dovesse portarsi sotto quota 92,7 punti, allora si potrebbe aprire la strada per un ribasso fino ai 92,5 punti, che potrebbe fornire una spinta sufficiente alla moneta unica europea per tentare una prima inversione.

Analisi Tecnica per il Cambio EUR/USD

Allo stato attuale, il cambio EUR/USD è riuscito a evitare una chiusura sotto quota 1,1750 e resta più vicino alla resistenza di 1,18. Tuttavia, per superare questo primo valore in grado di abilitare, potenzialmente, un’inversione di marcia, sarebbe necessario sfruttare il più possibile la debolezza del dollaro o un altro calo dei rendimenti statunitensi decennali.

Come già evidenziato nella scorsa analisi, infatti, appare inverosimile l’ipotesi di un rialzo del Fiber trainato esclusivamente, o prevalentemente, da market movers europei tali da trasmettere fiducia agli investitori.

L’euro sta infatti fotografando in questo momento un’economia che, nonostante gli eterogenei sforzi individuali, non riesce a rimettersi al passo con gli Stati Uniti, a causa di un piano di vaccinazioni ancora a rilento e di continue estensioni dei lockdown già in corso.

Ad ogni modo, una tendenza rialzista tale da spingere il cambio EUR/USD sopra quota 1,18 potrebbe permettere anche un avvicinamento alla seconda fascia di resistenza a quota 1,1830 circa.

Sopra questo livello di resistenza, nel breve termine il cambio dovrebbe mirare a 1,1850.

L’ipotesi ribassista vede invece il cambio infrangere definitivamente il supporto a 1,1750 per continuare a scendere anche verso 1,1720 e poi sotto il livello di 1,17.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: