Italia markets open in 2 hours 2 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    29.390,37
    -273,13 (-0,92%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    -0,0033 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    40.603,79
    +1.610,58 (+4,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    979,84
    -6,81 (-0,69%)
     
  • HANG SENG

    29.084,67
    -367,90 (-1,25%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Cambio EUR/USD: Previsioni per l’Ultima Settimana di Febbraio 2021

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Nella settimana scorsa, il cambio EUR/USD è stato scambiato fino a quota 1,2120, dopo essersi mosso febbrilmente tra quota 1,2050 e 1,21.

Con l’inizio della nuova settimana, il rischio principale per l’euro è il medesimo: l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA, insieme alle attese sull’aumento dell’inflazione, potrebbero pesare particolarmente sul Fiber, a causa del rialzo eccessivo del dollaro statunitense.

A ciò, si aggiunge la lentezza con cui il piano vaccini continua ad essere declinato su base comunitaria e in termini di gestione centrale dei singoli Stati Membri.

Insomma, continuano a saltare agli occhi degli investitori le forti differenze tra Stati Uniti e Unione Europea in termini di risposta al Covid-19, con una ripresa guidata da obiettivi comuni, ma che avanza a due diverse velocità.

Allo stato attuale, dopo i dati PMI che hanno risollevato le sorti dell’euro, il cambio EUR/USD potrà guardare in primo luogo alla soglia di resistenza a 1,2150, ma se nulla dovesse cambiare sul fronte dei rendimenti USA, allora l’euro potrebbe essere destinato a testare nuovamente la fascia di supporto (ora più labile del passato) di 1,21 per spingersi eventualmente ancora al ribasso.

I principali eventi della settimana per il cambio EUR/USD

Per questa prima parte della settimana, si attendono per l’euro i dati dell’indice IFO sulla fiducia delle aziende tedesche, che potrebbero imprimere una lieve accelerazione all’eventuale trend rialzista dell’euro.

L’economia tedesca resterà al centro dell’attenzione anche nei giorni successivi, con il PIL dell’ultimo trimestre del 2020 e gli aggiornamenti mensili sul sentiment dei privati a Marzo. Nella fine della settimana, si conosceranno anche i dati sul PIL francese, sicuramente di minore impatto per il cambio EUR/USD.

Anche per il dollaro statunitense si conosceranno i dati sulla fiducia dei consumatori e sul Prodotto Interno Lordo, mentre giovedì si conoscerà l’aggiornamento sulle richieste di sussidi di disoccupazione.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: