Italia markets close in 5 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    22.126,02
    +37,66 (+0,17%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,67
    +0,40 (+0,77%)
     
  • BTC-EUR

    27.242,48
    -247,24 (-0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    671,05
    -5,85 (-0,86%)
     
  • Oro

    1.858,30
    +2,10 (+0,11%)
     
  • EUR/USD

    1,2157
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.599,20
    -3,21 (-0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8877
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0776
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5438
    -0,0061 (-0,39%)
     

Cambio EUR/USD Sotto Quota 1,22: la Moneta Unica è Sotto Pressione

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il cambio EUR/USD ha chiuso la settimana scorsa a quota 1,22, al termine di lunghe ore di contrazioni che hanno spinto il prezzo al ribasso a partire dalla giornata di Giovedì scorso.

Già nella giornata di oggi si potrà comprendere se il cambio abbia definitivamente perso la sua spinta rialzista e se l’andamento attuale sarà destinato a consolidarsi. L’eccessivo allontanamento da quota 1,23 imponeva comunque di considerare un ribasso più vicino alla fascia di supporto tondo di 1,22, che si è realizzato spingendo il Fiber verso una soglia critica.

Alle ore 9:10 di oggi, infatti, il cambio EUR/USD si è portato a quota 1,2185, testimoniando il rafforzamento dell’attuale pressione ribassista sull’euro, legato anche a un discreto apprezzamento del biglietto verde e del relativo indice.

Allo stato attuale, il prezzo si trova non molto distante dal valore del 4 Dicembre 2020, pari a 1,2178, che se dovesse essere oltrepassato potrebbe aprire la strada a una fascia di supporto a quota 1,2140.

Superata anche tale soglia, allora la flessione potrebbe estendersi anche intorno a quota 1,21, valore che, come più volte indicato, rappresenta l’ultima fascia di supporto rilevante.

Se invece il cambio EUR/USD dovesse riuscire a riportarsi almeno fino a quota 1,2220 (che indica anche l’EMA a 20 giorni per il Fiber), allora si potrebbe assistere a una nuova spinta rialzista fino a testare nuovamente 1,235.

I principali market movers della settimana per il cambio EUR/USD

Come ogni settimana, per monitorare il cambio EUR/USD occorrerà valutare le politiche di stimolo statunitensi ed europee oltre ai dati sui contagi e sui vaccini.

Particolare attenzione andrà riposta questa settimana sui dati relativi all’inflazione negli Stati Uniti, che saranno forniti nella giornata di mercoledì e che potrebbero rafforzare ulteriormente l’indice del dollaro statunitense, attualmente in rialzo a quota 90,31 punti.

Già nella giornata di domani, si attende invece la pubblicazione del Rapporto sulle condizioni finanziarie dell’Eurozona da parte della BCE, che potrà stimolare o indebolire ulteriormente la moneta unica.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: