Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.103,50
    -163,10 (-1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Centeno vuole che Bce invii chiaro messaggio di rialzo tassi più moderato

La sede centrale della Bce a Francoforte

LISBONA (Reuters) - La Banca centrale europea dovrebbe rallentare il ritmo dei rialzi dei tassi d'interesse a partire da dicembre e inviare un chiaro messaggio che gli aumenti record di 75 punti base non sono la norma, visto che l'inflazione probabilmente raggiungerà il picco nel trimestre in corso.

Lo ha detto a Reuters il consigliere della Bce Mario Centeno.

La Bce ha alzato i tassi di interesse di 75 punti base in entrambe le ultime due riunioni, aumentando il tasso di deposito di 200 punti base all'1,5% in soli tre mesi dai minimi storici.

"Ci stiamo avvicinando a livelli di tassi che consideriamo compatibili con la stabilità dei prezzi nel medio termine, il che significa che l'idea che i rialzi di 75 punti base siano la norma non può concretizzarsi", ha detto Centeno, che è governatore della Banca centrale portoghese.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)