Italia markets open in 8 hours 32 minutes
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0516
    +0,0047 (+0,45%)
     
  • BTC-EUR

    16.041,46
    -288,51 (-1,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,86
    -7,18 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     

Cop27, nazioni più povere vogliono risarcimenti da compagnie petrolifere

Il simbolo della Cop27 a Sharm el-Sheikh

SHARM EL-SHEIKH, EGITTO (Reuters) - I leader dei Paesi più poveri hanno criticato i governi degli Stati più ricchi e le compagnie petrolifere per aver dato una spinta al riscaldamento globale, e hanno chiesto in occasione del vertice Cop27 sul clima in Egitto risarcimenti per i danni causati alle loro economie.

I piccoli stati insulari già colpiti da tempeste oceaniche sempre più violente e dall'innalzamento del livello del mare hanno invitato le compagnie petrolifere a pagare i risarcimenti utilizzando parte dei recenti ingenti utili, mentre gli stati africani in via di sviluppo hanno chiesto più fondi internazionali.

"L'industria del petrolio e del gas continua a guadagnare quasi 3 miliardi di dollari al giorno di utili", ha affermato Gaston Browne, primo ministro di Antigua, parlando alla conferenza a nome dell'Alleanza degli Stati insulari.

"È giunto il momento che queste società siano costrette a pagare una carbon tax globale sui loro utili come fonte di finanziamento per perdite e danni", ha affermato. "Mentre traggono profitto, il pianeta brucia".

I commenti riflettono la tensione vista tra gli stati più ricchi e quelli più poveri durante i negoziati internazionali sul clima, nel corso della seconda giornata della conferenza, che durerà due settimane nella località balneare di Sharm el-Sheikh.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)